Dybala, Totti: "So come è andata, non dipende solo da lui"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

(Adnkronos) - "Zanetti è stato più convincente di me per Dybala? Non tocchiamo questo discorso che è meglio". Lo ha detto ieri l'ex numero 10 giallorosso Francesco Totti a SkySport. "Dybala-Lukaku che coppia sarebbe per Inzaghi? Sarebbero una coppia formidabile, un binomio top tra estro e forza fisica. Qualunque allenatore lo vorrebbe", ha aggiunto. "Perché non dico niente su Dybala? Perché so come è andata... E ormai penso sia finita. Non dipende solo da Dybala, fosse solo per lui ci sarebbero buone speranze".

"Il ritorno di Pogba alla Juve? No, non pensavo. E invece... Quando fai delle scelte verso top club hai tante possibilità", ha proseguito Totti che ha fatto poi i complimenti a Maldini con il Milan. "Ho sempre detto che nel calcio ci devono essere gli ex giocatori, quelli competenti che sanno di calcio. Paolo ha fatto trent'anni di carriera lì e sa cosa significa, è un vantaggio per il club. Che farà Ibrahimovic? Dovrà fare la scelta giusta... Ho sentito che si è operato di nuovo al crociato. Certo, non ha più vent'anni e se deve fare una partita sì e quattro no ci penserei più di una volta".

"Zaniolo? Già tempo fa parlai con Nicolò, gli diedi qualche consiglio. Però non so se l'abbia recepito o meno... L'ultimo pensiero spetta sempre a lui, dovesse rimanere alla Roma capirebbe l'importanza di questa maglia e onorerebbe i tifosi. Hanno fatto qualcosa di diverso, quest'anno, metterei per prima cosa il rispetto nei confronti dei tifosi. La scelta migliore starà a lui", ha detto ancora l'ex capitano della Roma. "Cosa gli ho consigliato? Meglio non dirlo...La mia scelta? Sì, che poi magari può essere sbagliata. Parlando con gli addetti ai lavori abbiamo sondato il terreno sotto tutti i punti di vista. Anche per altre destinazioni? Deciderà lui se ha voglia di rimanere, dipende da lui e dalla società se vuole venderlo o tenerlo. Io saprei cosa fare con Zaniolo. Se lo farei rimanere? Chissà", aggiunge sorridendo Totti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli