Ecco la "FICO Arena", il nuovo stadio (temporaneo) del Bologna

·1 minuto per la lettura

Comincia a prendere forma il nuovo stadio temporaneo del Bologna che sorgerà al CAAB (Centro Agro Alimentare di Bologna) per permettere i lavori di ristrutturazione del "Renato Dall'Ara", attuale impianto dove i rossoblù giocano le loro gare casalinghe. Si chiamerà FICO Arena, come ha rivelato alla Gazzetta dello Sport l'ad di FICO Stefano Cigarini, soprannominato il re Mida dei parchi a tema.

Il patron del Bologna Joey Saputo | Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images
Il patron del Bologna Joey Saputo | Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images

L'impianto temporaneo, con un investimento tra i 12 e i 15 milioni di euro, farà da apripista per un'intesa più ampia, come spiegato dallo stesso Cigarini: "Il protocollo d’intesa c’è, il testo finale verrà redatto e le firme apposte presto. Ci vorranno dai 6 ai 9 mesi di lavoro, quindi credo che si potrebbe partire poco dopo l’estate - si legge su Calcioefinanza.it -. Intanto è una bellissima idea. Dalla quale e con la quale poter sviluppare e creare una sorta di grande festa ad ogni avvenimento sportivo che si svolgerà nella FICO Arena. L’idea di abbinare calcio e parco agroalimentare prevede diversi “asset”. Il primo è la squadra di calcio, il Bologna; un altro è proprio FICO che metterà a disposizione tutto ciò per cui è considerata un’eccellenza nell’ambito dell’agroalimentare".

Una volta terminato il restyling del "Dall'Ara", l'impianto temporaneo "rimarrà ma verrà ridotto nella capienza. Servirà per concerti ma anche per le giovanili del Bologna e il calcio femminile, senza dimenticare una parte museale per il Bologna o lo store». E si chiamerà ancora FICO Arena: «Certo. Un bel nome. E continuerà ad essere un’estensione del Bologna" ha chiosato Cigarini.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli