Equitazione, Global Champions League agli Shanghai Swans

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 11 set. (askanews) - In attesa del Gran Premio del Longines Global Champions Tour di Roma, è stata la Global Champions League a prendersi la scena del primo pomeriggio al Circo Massimo con il secondo round nel quale si sono tirate le somme del duro lavoro di ieri. Tra gli applausi scroscianti del pubblico presente sulle tribune e sui prati circostanti, il successo della dodicesima tappa è andato agli Shanghai Swans (8/144.79") che sono saliti sul gradino più alto del podio davanti ai Paris Panthers (12/146.91") di Eve Jobs (tra le amazzoni più applaudite) ed ai Madrid in Motion (12/150.67"). Successo anche per il transalpino Kevin Staut che ha siglato la 155/160 a tempo.

GCL, CHE ROUND! - Un secondo giro tecnico ed impegnativo, 17 concorrenti a titolo individuale e 16 team che dopo il primo round entrano nuovamente in campo in ordine inverso rispetto alla classifica di ieri. L'arena di gara si infiamma con l'ingresso del campione olimpico in carica Ben Maher che però commette errore. Lo zero più veloce è per il fuoriclasse transalpino Kevin Staut che con Iliade KDW Z ferma il tempo a 68.92. Buona prova anche quella dell'habitué del GCL, il brasiliano Marlon Modolo Zanotelli che chiude in seconda posizione con la sua promettente femmina baia Diarca Ps (0/72.64). In terza posizione si piazza l'irlandese Shane Breen (Z7 Ipswich - 0/75.01). Sfortunate le prove degli azzurri Emanuele Gaudiano e Alberto Zorzi che sbagliano entrambi sull'ingresso della doppia gabbia. Grande spettacolo e fiato sospeso per la classica a squadre che rimane aperta fino all'ultimo concorrente. La vittoria della prima tappa romana va alla squadra degli Shanghai Swans che chiudono con le 8 penalità complessive nelle due manche ed uno splendido clear round di Christian Ahlmann e Solid Gold Z. La sua compagna di squadra l'amazzone svedese Malin Baryard-Johnsson commette un errore nel secondo giro con H&M Indiana. Seconda posizione per i Paris Panthers che a Roma si presentano con Eve Jobs (Venue d'Fees des Hazalles 0/8) applauditissima dal pubblico capitolino ed Harrie Smolders (Monaco 4/0). Terza posizione per i Madrid In Motion che vanno a prendere punti importanti in questa tappa (erano decimi nella classifica generale dopo Amburgo). La squadra è affare di famiglia con Eric Van der Vleuten e suo figlio Maikel rispettivamente con Wunschkind e Beauville Z.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli