Euro2020, ufficiale il ritorno del pubblico sugli spalti dell'Olimpico di Roma

Francesca D'Amato
·1 minuto per la lettura

Negli ultimi giorni, argomento di discussione è stata la partecipazione del pubblico all’interno degli impianti sportivi per Euro2021, alla fine è arrivata l'ufficialità della UEFA: Roma sarà fra le sedi ospitanti dei prossimi Europei, con la presenza di almeno il 25% del pubblico, rispetto alla capienza dello stadio Olimpico.

Il presidente della Uefa, Aleksander Ceferin, entro il 19 aprile aveva richiesto una risposta definitiva. Sia il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, che il sottosegretario allo sport, Valentina Vezzali, si erano detti ottimisti riguardo il via libera del governo, garantendo la predisposizione di ogni misura organizzativa diretta ad assicurare la partecipazione di una quota di spettatori pari ad almeno il 25%.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Come riporta la Gazzetta dello Sport, si potrà accedere solo con il certificato vaccinale, un tampone negativo o con test sierologico che dimostri gli anticorpi per il Covid-19. Gli spettatori dovrebbero essere così divisi: 2.500 in Curva Nord/Distinti Nord e lo stesso numero in Curva Sud/Distinti Sud. 6.500 in Tribuna Tevere e 4.000 in Montemario. Per evitare assembramenti all’entrata e all’uscita verranno stabiliti orari diversi in base al settore con più gate aperti. I tifosi con i biglietti per le partite di Roma devono tenere presente che non saranno concesse esenzioni per eventuali restrizioni di viaggio che saranno in vigore al momento della partita per le persone che arriveranno fuori dall'Italia.

Segui 90min su Instagram