Europa League, il presidente Angel Torres ribadisce: "Non ci sarà nessun Inter-Getafe"

Goal.com

Una durissima presa di posizione da parte del presidente del Getafe Angel Torres, che resta fermo sulla decisione di non partire per Milano in vista della sfida di Europa League sul campo dell'Inter.

Il pericolo Coronavirus spaventa il patron spagnolo, che ai microfoni di 'Onda Cero' ha annunciato che la sua squadra non sbarcherà sul capoluogo lombardo:

"Non ci sarà nessuna partita, noi a Milano non andiamo. La situazione è pessima tanto qui a Madrid come a Milano. Prima di tutto viene la salute e noi abbiamo deciso di non viaggiare: che la partita sia rinviata o che sia spostata in altra sede, perché nessuno corra rischi inutili. L'UEFA ci ha detto che deciderà oggi, ma noi togliamo loro ogni dubbio. Non partiamo, facciano ciò che gli pare. Sono arrivato a 70 anni senza giocare in UEFA, ora non gioco con la salute dei miei giocatori".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio


Angel Torres spiega nel dettaglio la decisione presa da tutto il club, spaventato dall'idea di viaggiare in un momento del genere:

"Saremo eliminati, perderemo la partita a tavolino. Ma non fa niente. Non sarò colui che si prenderà un rischio del genere di andare in una città dove il contagio è altissimo. Che senso ha far andare in una zona a rischio una squadra che arriva da un'altra zona a rischio come Madrid? Come se in Italia non avessero già abbastanza contagiati. Ma sì, portiamone anche da fuori...".

Secondo il presidente del Getafe dunque non ci sarà nessuna partita a San Siro, neanche a porte chiuse:

"La mia vita va avanti anche se non gioco con l'Inter, cosa che non è altrettanto sicura se mi prendo il Coronavirus. Non è una questione del Getafe, è un fatto mondiale. Se hanno fermato il calcio non è di certo per capriccio. Ci tengo a sottolineare che l'Inter non ha nessuna colpa, penso siano d'accordo, è una questione di senso comune, di esseri umani".

Grandi problemi dal punto di vista della sicurezza, ma anche dal punto di vista degli spostamenti:

"Il governo spagnolo ha pubblicato un decreto che impedisce i voli dall'Italia alla Spagna, quindi non potremmo tornare. Io non chiedo un permesso speciale per mettere a rischio la salute della mia spedizione. I permessi si chiedono per questioni urgenti e una partita di calcio non lo è".

Potrebbe interessarti anche...