Evra: 'Ronaldo voleva più rispetto, era il capro espiatorio. Su razzismo, il 'gobbo' Allegri e la finale di Champions persa...'

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·3 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Intervistato da Repubblica l'ex terzino della Juventus e del Manchester United, Patrice Evra, si è racconato in vista dell'uscita della sua biografia.

BULLISMO E ABUSI - "Problemi economici, gang giovanili, spaccio, violenze sessuali. Come faccio a essere sempre positivo? Perché non ho mai cercato scuse. Mia madre mi ha educato così. Credo in Dio. Credo nell’energia positiva. Per questo I love this game".

TALENTO ED ESORDI - "Il talento, anche se hai la classe di Messi o Ronaldo, per un calciatore conta solo il 20%. Il 30% è etica del lavoro. Il 50% forza mentale. Io vengo dalla strada. Ciò mi ha fortificato e non mi ha fatto mai soffrire alcuna pressione. Oggi, invece, le nuove generazioni pensano più alla fama e ai soldi, hanno tutto e subito. Quando a Marsala ebbi una tuta ufficiale, mi sentii in paradiso. Oggi invece, se un calciatore ha un problema, si lamenta con l’agente. Ma li capisco: hanno un’esposizione sui social pazzesca".

RAZZISMO - "Non nasciamo razzisti. È un problema di istruzione, sociale. Il calcio lancia molti messaggi, ma non è abbastanza. Contro la Superlega, migliaia di tifosi sono scesi in strada, riuscendo a fermarla. Sarebbe bello se tutto questo si facesse contro il razzismo. I social media possono maggiore filtro. Infine, fino a quando non si comminano forti multe ai razzisti, non cambierà mai nulla"

JUVE E LA FINALE PERSA A BERLINO- "In Italia ci si allena troppo. Se si trovasse l’equilibrio giusto, le squadre italiane potrebbero vincere già spesso la Champions. Invece, si spinge tutto all’estremo. Per me è un segno di insicurezza. Il mio primo anno alla Juve, perdemmo la Champions in finale. Sono convinto che quella coppa avremmo potuto vincerla se non fossimo arrivati così sfiniti, fisicamente e mentalmente".

ALLEGRI - Allegri ti ammazza di lavoro, ma è furbo perché te lo impone con il sorriso. Come ho detto ad Agnelli, Allegri non sarebbe mai dovuto andar via nel 2019. Per la passione e l’amore che nutre per la Juve, nonostante l’odio iniziale di molti tifosi. Allegri è un vero “gobbo”. Poi certo, tornare non è mai facile. Gli ho detto: “Devi riadattarti anche tu, soprattutto ai giocatori più giovani. Non essere troppo duro con loro”​

AMORE PER LA JUVE - "Una volta dissi: “Ragazzi, in campo ci siete sempre andati voi, non Conte. La Juve è un’istituzione. Sveglia!”. Buffon, Chiellini e Barzagli rimasero scioccati: si resero conto di quanto amassi la Juventus"

GIOVANI - "Oggi in molti giovani mancano carattere, personalità, creatività. Inoltre, in generale, vengono sempre più trattati come robot, anche nei passaggi. Nel calcio moderno, un Ronaldinho che fa di testa sua sarebbe un problema". Ha un fiuto incredibile. Più di Ferguson. Allegri sa sempre come andrà una partita prima che cominci.

RONALDO - "Cristiano ha bisogno di amore e rispetto. Invece, alla Juve stava diventando il capro espiatorio. Le critiche in Italia a Ronaldo sono state ridicole e un po’ ipocrite. Un altro errore è stato quando Allegri ha detto in conferenza: “Cristiano non giocherà tutte le partite”. Non c’è bisogno di dire certe cose in pubblico. In ogni caso, l’unico vero amore di Cristiano è il Manchester United. Perché a Manchester nessuno si permetterebbe di criticarlo. La Juve avrebbe dovuto capire che Cristiano esige amore e rispetto. Quando li riceve, Cristiano dà la vita per te".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli