F1: cena tutti insieme per Vettel ad Abu Dhabi, ma il conto da capogiro è una bufala

F1: cena tutti insieme per Vettel ad Abu Dhabi, ma il conto da capogiro è una bufala (foto: Instagram @lewishamilton)
F1: cena tutti insieme per Vettel ad Abu Dhabi, ma il conto da capogiro è una bufala (foto: Instagram @lewishamilton)

Un'occasione più unica che rara, dovuta alla volontà collettiva di celebrare un collega e grande campione che lascia le piste. Prima dell'inizio del weekend del Gran Premio di Abu Dhabi, ultimo nel calendario della F1 per il 2022, tutti e venti i piloti in griglia hanno deciso di cenare insieme per salutare degnamente Sebastian Vettel, prossimo al ritiro. Tante le foto circolate sui social dopo un evento tanto particolare, ma non sono mancati i fake. Come il vertiginoso scontrino attribuito da qualcuno alla cena in questione. Ma che con i fuoriclasse delle quattro ruote nulla aveva a che fare.

GUARDA ANCHE: Vettel annuncia: “Mi ritiro a fine stagione”

In base a quanto ricostruito dalla 'BBC', e confermato poi da diversi piloti, a volere fortemente la cena con tutta la griglia di F1 presente è stato Lewis Hamilton in persona. Rivale di vecchia data di Vettel, il sette volte campione del mondo anche in conferenza stampa aveva spiegato di essersi messo alle spalle le ruggini competitive con il tedesco ex Ferrari. Anzi, i due hanno spesso sposato battaglie per il sociale e la beneficenza molto simili negli ultimi anni. E hanno confermato che uno dei momenti di massima tensione in pista (lo scontro di Baku nel 2017) li ha uniti ancora di più. Da qui la cena nel lussuoso ristorante di Abu Dhabi.

F1: cena tutti insieme per Vettel ad Abu Dhabi, ma il conto da capogiro è una bufala. (Photo by Jakub Porzycki/NurPhoto via Getty Images)
F1: cena tutti insieme per Vettel ad Abu Dhabi, ma il conto da capogiro è una bufala. (Photo by Jakub Porzycki/NurPhoto via Getty Images)

LEGGI ANCHE: Lewis Hamilton ha una carriera parallela alla F1, ecco quale

Che però non è quello di Salt Bae, rinomato ristoratore turco proprietario di locali dove il lusso la fa da padrone incontrastato. "La qualità non è mai cara", ha scritto in un post su Instagram in cui si vede un conto da 161 mila euro. E il ristorante si trova proprio ad Abu Dhabi, dove si è consumata la cena dei piloti di F1. Questo, unito al fatto che anche le date coincidano, ha fatto in modo che tanti sui social pensassero che proprio Vettel, Hamilton e colleghi si fossero concessi tali bagordi. Così però non è.

Come 'Il Corriere della Sera' ha prontamente sottolineato, il maxi scontrino da 161 mila euro si riferisce infatti a una cena da 14 coperti. Quella della F1, invece, ne comprendeva 20. Questo rende anche più sensato scorrere le varie ordinazioni, che comprendono svariate porzioni di carne, cipolle in pastella e patate fritte (non proprio una dieta da campioni). Senza considerare le due bottiglie di Petrus 2009 Luigi XIII (26 mila euro ciascuna), le cinque di generico Petrus (per un totale di 85 mila euro), una di Chateau Margaux da 407 euro e ben 11 mila euro di alcoolici ordinati tramite l'open bar. Un po' troppi, quando c'è un Gran Premio alle porte.

VIDEO - Chi è Sebastian Vettel?

E infatti la cena dei piloti è stata, molto semplicemente, un'altra. La 'BBC' spiega che il conto è stato offerto da Lewis Hamilton in persona, organizzatore dell'evento. Tantissimi i messaggi social dei vari protagonisti della F1, tutti entusiasti del tempo trascorso insieme. Giusto il portacolori della Ferrari, Charles Leclerc, ha ammesso: "Non è stato facile trovare un locale che andasse bene a tutti". Strategiche anche le posizioni a tavola: i vari compagni di squadra al centro di recenti discussioni (Verstappen e Perez, Alonso e Ocon, ma anche Leclerc e Sainz) si sono tutti seduti a debita distanza. Curiosa la prossimità di Bottas con Russell e di Ocon con Verstappen (due coppie di piloti caratterizzate da storici screzi). Vettel, invece, si è piazzato in mezzo tra l'amico di sempre Mick Schumacher e quello ritrovato: Lewis Hamilton. Luogo della serata: il ristorante stellato Hakkasan. E nessuno scontrino da 161 mila euro (con litri di alcool annessi).