F1: riprende lo sport in Inghilterra e Silverstone spera

Lewis Duncan
motorsport.com

La stagione di F1 2020 avrebbe dovuto avere inizio a marzo a Melbourne ma la pandemia da Coronavirus ha costretto gli organizzatori a cancellare l'evento e la diffusione della pandemia ha poi obbligato all'annullamento delle corse previste in calendario fino a giugno.

La F1 ha delineato i suoi piani per far partire la stagione con due gare consecutive in Austria il 5 e il 12 luglio, ed un passo avanti verso l’avvio del mondiale è arrivato sabato dopo che il governo del paese ha dato il via libera allo svolgimento del Gran Premio.

Silverstone aveva sperato di ospitare due gare dopo il round austriaco, anche se inizialmente l’evento inglese è stato messo in dubbio quando la nuova procedura di quarantena di 14 giorni voluta dal governo britannico non ha esentato il personale di F1.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Tuttavia, la scorsa settimana, il primo ministro Boris Johnson avrebbe detto ai suoi ministri di esentare la Formula 1 dalla quarantena ed oggi Silverstone è tornata in gioco con la possibilità di correre in uno slot di agosto.

Anche se il governo non ha ancora annunciato un aggiornamento sulla situazione della F1, le possibilità di poter correre a Silverstone sono aumentate quando il segretario alla cultura, Oliver Dowden, ha annunciato la ripresa degli eventi sportivi in Inghilterra a partire da lunedì prossimo.

Parlando in un discorso pubblico, Dowden ha dichiarato: “Adesso, dopo oltre due mesi di stop per lo sport e dopo discussioni 24 ore su 24 con esperti medici ed enti sportivi professionisti, sono lieto di annunciare che il governo ha pubblicato una linea guida che permetterà allo sport agonistico di riprendere a porte chiuse da lunedì e, soprattutto, solo quando ci saranno le condizioni di sicurezza”.

“Spetta a ogni singolo sport decidere quando riprendere la competizione, ma il calcio, il tennis, le corse di cavalli, la Formula 1, il cricket, il golf, il rugby, il biliardo e altri sono tutti pronti a tornare sui nostri schermi a breve”.

“E' stata una grande sfida arrivare a questo punto. Abbiamo adottato un approccio forense, lavorando con la Public Health England e il Dipartimento della Sanità in ogni fase del percorso”.

La F1 dovrebbe annunciare un programma europeo nei prossimi giorni, con l'obiettivo di ospitare tra le 15 e le 18 gare che si svolgeranno in Europa, in Asia, in America e che si concluderanno in Medio Oriente.

I GP di Francia, Monaco, Australia e Olanda non saranno disputati in questa stagione.

Il motorsport ha fatto il suo ritorno internazionale lo scorso fine settimana con la NASCAR in America, mentre la serie MotoAmerica Superbikes e la IndyCar prenderanno il via la prossima settimana.

La  MotoGP spera di riprendere la stagione 2020 con una serie di gare a Jerez, anche se quest'anno non ci sarà una visita britannica per la serie. Le gare nazionali nel Regno Unito riprenderanno a partire dal 4 luglio.

Potrebbe interessarti anche...