Fair Play Finanziario, Uefa punisce Inter, Juve, Milan e Roma: ecco le maxi multe

Fair Play Finanziario: Uefa multa Inter, Juventus, Milan e Roma (Getty Images)
Fair Play Finanziario: Uefa multa Inter, Juventus, Milan e Roma (Getty Images)

L'Uefa ha sanzionato i club sotto monitoraggio per violazioni al Fair-play finanziario. Nel comunicato ufficiale si legge che la Prima Camera giudicante ha concluso accordi transattivi con otto club, i quali hanno concordato un totale di 172 milioni in contributi finanziari, obiettivi specifici e restrizioni sportive condizionate e incondizionate nei prossimi anni. Tra i club sanzionati ci sono Milan, Juventus, Inter e Roma.

LEGGI ANCHE: Uefa punisce club italiani: le sanzioni per Juve, Inter, Milan e Roma

In particolare, il Milan dovrà pagare 2 milioni di euro (15 se non rientrerà nei 3 anni). La Juventus è stata multata per 3,5 milioni di euro (23 se non dovesse rientrare nel prossimo triennio). L'Inter ha ricevuto una multa di 4 milioni (26 se non rientrerà in 4 anni) e la Roma 5 milioni (35 in caso di mancato rientro nei prossimi quattro anni).

LEGGI ANCHE: Sorteggi Champions: Inter e Napoli, giorni duri. Juve-Psg e Milan-Chelsea

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Ancelotti premiato Allenatore dell'Anno dalla UEFA

Tra i club europei, il più sanzionato è il Paris Saint-Germain, che dovrà pagare 10 milioni di euro subito e, se non metterà a posto i conti, altri 55 milioni. Multati anche i turchi del Besiktas, che dovranno pagare 600mila euro subito e poi eventuali 3,4 milioni, e i francesi del Marsiglia e del Monaco, che hanno ricevuto una multa di 200mila euro subito e 1,7 milioni successivamente.

LEGGI ANCHE: Benzema è il giocatore dell'anno Uefa

Da quanto accertato, i club non hanno rispettato il requisito del pareggio di bilancio. La Prima camera giudicante ha analizzato gli esercizi compresi tra il 2018 e il 2022, considerando anche le misure di emergenza Covid del 2020-2021. Gli otto club hanno accettato di versare un contributo finanziario di 172 milioni di euro.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Tiago Pinto: "FFP? Non deve essere una scusa"