Ferrari: il nuovo simulatore pronto solo a primavera

Franco Nugnes

La Ferrari non è la favorita del mondiale 2020 di F1. Ad ammetterlo è stato lo stesso Mattia Binotto, visto che il team principal del Cavallino rampante è molto chiaro nel definire le ambizioni di Maranello:
“Per aprire un ciclo vincente ed essere davanti alla Mercedes in modo stabile, servirà ancora qualche anno, detto in molto onesto. Ma so che come Ferrari abbiamo sempre l’obbligo morale di provarci ogni anno”.

“Noi quindi partiamo con l’obiettivo di fare molto bene nel 2020, non partiamo per arrivare secondi. Però, se uno deve dire di arrivare a quella maturità di squadra, a quel know how, a quel rodaggio sufficiente e necessario su tutti gli aspetti per essere dominanti, è giusto dire che non si fa in due giorni”.

La Scuderia con la 671 cerca di cancellare i problemi che hanno caratterizzato la SF90 nel tentativo di sfidare le frecce d’argento: la mancanza di downforce e l’impossibilità di sfruttare le gomme, difficili da mantenere nella giusta finestra di temperatura, avevano reso la Rossa poco competitiva su certe piste e molto veloce su altre.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

E come abbiamo avuto modo di sottolineare in precedenza, nella Gestione Sportiva hanno lavorato sodo per trovare il giusto equilibrio, in modo da rendere la Rossa una sfidante delle Mercedes in tutti i GP, anche se quel ruolo, a giudicare dalle parole di Helmut Marko, se lo vuole prendere la Red Bull, considerando il ruolo della Ferrari più subalterno.

Come mai ci sono questi dubbi? Cercando di mettere insieme il puzzle invernale, verrebbe da dire che non tutte le tessere del mosaico sono ancora al posto giusto. Per esempio: l’area simulazione di Maranello è certamente perfettibile.

La macchina che abbiamo visto schierare in pista nelle libere del venerdì in diverse occasioni era lontana dalla messa a punto sperata e solo con un duro lavoro di rielaborazione dei dati di pista (e di verifica notturna a casa) si è poi trovato il migliore setup, perdendo però un giorno di sviluppo.

La 671 viene sviluppata al “ragno” il simulatore che presto verrà dismesso per lasciare il posto ad uno di ultima generazione. Stando alle indiscrezioni il nuovo modello arriverà pronto in primavera, per cui ci vorrà un po’ di tempo perché sia perfettamente funzionale, con una adeguata rispondenza dei dati fra pista e indoor.

La monoposto 2021 nascerà con il simulatore più moderno, mentre quella 2020 almeno nelle prime fasi pagherà un po’ di ritardo per l’uso di una soluzione che è ormai un po’ datata nonostante i continui aggiornamenti a cui è sempre stata sottoposta…

Potrebbe interessarti anche...