Ferrari: per Binotto la SF1000 non merita la sufficienza!

Roberto Chinchero
motorsport.com

Ci è o ci fa? Nelle due settimane che ci separano dalle qualifiche di Melbourne (oggi diventate più probabili dopo le informazioni confermate da Chase Carey) il dibattito è destinato a restare aperto.

Il soggetto è la Ferrari, l’attore protagonista Mattia Binotto. Il team principal del Cavallino ha il dono della credibilità, se lo dice ci si crede, e nell’incontro con i media avuto oggi nel paddock di Barcellona ha più volte sottolineato che nei sei giorni di prove sul circuito di Catalunya non ci sono stati bluff.

“Non credo che saremo in grado di vincere in Australia – ha spiegato Binotto - ovviamente ogni squadra ha i suoi problemi, alcuni sono alle prese con l’affidabilità (riferimento neanche tanto velato alla Mercedes?) altri con mancanza di prestazioni, poi in un weekend di gara può anche succedere qualcosa di imprevisto. Ma oggi non siamo abbastanza veloci per puntare a vincere. C’è chi sostiene che bluffiamo? Onestamente non so cosa pensano o dicono fuori dal nostro box, da parte mia posso ribadire che conosco la nostra situazione”.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Binotto non si è sottratto ad una domanda che di solito viene schivata in modo più o meno chiaro, ovvero dare un voto al lavoro svolto nei test, un giudizio che disegna il quadro della situazione Ferrari in vista di Melbourne.
“Se devo giudicare il programma di lavoro svolto direi ‘8’, ma sul fronte della performance siamo a ‘6’”.

Poco dopo, rispondendo ad una domanda simile, il team principal ha limato un pò quest’ultima valutazione.

“Probabilmente avrei dovuto togliere qualcosina a quel 6… Negli ultimi due giorni di prove, ci siamo concentrati al mattino sulla simulazione di qualifica e nel pomeriggio ai long-run. Abbiamo completato una simulazione di gara completa, compresi i giri di pre-griglia, la partenza e tutto il resto. Sulla lunga distanza il gap nei confronti degli avversari di vertice è minore rispetto a quello che abbiamo visto nella simulazione di qualifica, e dobbiamo ancora capire bene i motivi che portano a questa differenza”.

Oggi Leclerc ha confermato che sul passo gara la Ferrari non è da prima posizione (confermando quanto detto da Binotto) ma non paga un gap irrecuperabile, per perfomance e costanza, a conferma che la SF1000 non andrà sul dritto ma in quanto a carico e gestione gomma è un passo avanti rispetto alla monoposto 2019.

Ma c’è molto da fare e su diversi fronti: “Non credo che ci sia un'unica area in cui dobbiamo concentrarci ma diverse, incluse power unit e assetto,” ha confermato Binotto.

Leclerc ha completato la gara con il setup utilizzato prima della pausa pranzo per la simulazione di qualifica, ed è ciò di cui aveva bisogno la squadra per raccogliere dati che saranno analizzati nei prossimi giorni a Maranello.

L’impressione è che Binotto non stia nascondendo nulla che attualmente sia in suo possesso, ma probabilmente ha le idee chiare su cosa arriverà, in tempi più o meno brevi.

La SF1000 oggi è questa, ma non è detto che sarà così a Melbourne e soprattutto a Zandvoort, sede della quarta gara stagionale se non ci saranno cancellazioni e rinvii dei Gran Premi precedenti.
“Credo che i concetti del progetto SF1000 siano corretti – ha ribadito Binotto - siamo contenti, ma non siamo altrettanto contenti delle prestazioni che finora abbiamo verificato”.

Certo, non passa inosservata la dichiarazione in merito al potenziale che si aspetta dalla SF1000 nelle prime tappe stagionali, ed a quel punto è lecito chiedere al team principal del Cavallino quando si attende di poter lottare per la vittoria: “È troppo presto per dirlo. Dobbiamo tornare a casa e esaminare tutti i dati raccolti questi giorni, capire quali sono i nostri limiti attuali e quindi vedremo dove saremo in Australia”. Appuntamento a Melbourne...

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari al muretto dei box

Charles Leclerc, Ferrari al muretto dei box <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari al muretto dei box Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000 <span class="copyright">Steven Tee / Motorsport Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF1000 Steven Tee / Motorsport Images

Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000 <span class="copyright">Glenn Dunbar / Motorsport Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF1000 Glenn Dunbar / Motorsport Images

Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF1000 il volante di Charles Leclerc

Ferrari SF1000 il volante di Charles Leclerc <span class="copyright">Giorgio Piola</span>
Ferrari SF1000 il volante di Charles Leclerc Giorgio Piola

Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000 <span class="copyright">Glenn Dunbar / Motorsport Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF1000 Glenn Dunbar / Motorsport Images

Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari in garage

Charles Leclerc, Ferrari in garage <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari in garage Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000 <span class="copyright">Zak Mauger / Motorsport Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF1000 Zak Mauger / Motorsport Images

Zak Mauger / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000 <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000 Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Meccanici della Ferrari lavorano sulla Ferrari SF1000 di Charles Leclerc

Meccanici della Ferrari lavorano sulla Ferrari SF1000 di Charles Leclerc <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Meccanici della Ferrari lavorano sulla Ferrari SF1000 di Charles Leclerc Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000 <span class="copyright">Zak Mauger / Motorsport Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF1000 Zak Mauger / Motorsport Images

Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000 <span class="copyright">Zak Mauger / Motorsport Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF1000 Zak Mauger / Motorsport Images

Zak Mauger / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, e Sebastien Vettel, Ferrari

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, e Sebastien Vettel, Ferrari <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, e Sebastien Vettel, Ferrari Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Potrebbe interessarti anche...