Ferrari: quella sedia vuota e il convitato di pietra

Franco Nugnes
motorsport.com

Una sedia vuota. Sulle altre due erano seduti Charles Leclerc, il più giovane ferrarista vincitore di un GP, e Mattia Binotto, il team principal del Cavallino che finalmente poteva assaporare la gioia della prima vittoria della SF90.

Nel motorhome della Scuderia per fare il punto con i giornalisti c’era un clima di euforia per il 236esimo successo arrivato prima del GP d’Italia a Monza. Peccato che sia mancato l’uomo squadra, quel Sebastian Vettel che ha fornito un importante contributo alla brillante affermazione del 21enne monegasco.

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, e il resto delle auto nel giro di apertura

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, e il resto delle auto nel giro di apertura <span class="copyright">Simon Galloway / Sutton Images</span>
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, e il resto delle auto nel giro di apertura Simon Galloway / Sutton Images

Simon Galloway / Sutton Images

Il tedesco, alle prese con un anomalo consumo di gomme, si è messo a disposizione della squadra, accettando senza batter ciglio l’ordine ricevuto via radio di cedere subito la posizione a favore del compagno di squadra e poi facendo sapientemente da “tappo” a Lewis Hamilton (secondo la Mercedes l’azione di Seb sarebbe costata cinque secondi al penta-campione).

Il team Ferrari festeggia la prima vittoria di Leclerc, con Vettel nelle retrovie in posizione defilata

Il team Ferrari festeggia la prima vittoria di Leclerc, con Vettel nelle retrovie in posizione defilata <span class="copyright">Simon Galloway / Sutton Images</span>
Il team Ferrari festeggia la prima vittoria di Leclerc, con Vettel nelle retrovie in posizione defilata Simon Galloway / Sutton Images

Simon Galloway / Sutton Images

Insomma ha accettato di buon grado il ruolo di “gregario” con grande professionalità, togliendosi la corona del quattro volte campione del mondo. In pista è stato perfetto, mentre è parso meno a suo agio nel dopo corsa. Nella tradizionale foto della squadra che suggella la vittoria, Vettel si scorge solo in ultima fila. Quasi volesse sottolineare un ruolo defilato, lasciando tutta la scena al giovane compagno di squadra.

E la cosa è stata ancora più evidente durante la conferenza stampa: Mattia Binotto ha voluto sottolineare che l’assenza di Sebastian era giustificata e che la sua partenza era stata programmata e autorizzata.

Vettel ha soprannominato L'ina la sua Ferrari SF90

Vettel ha soprannominato L'ina la sua Ferrari SF90 <span class="copyright">Giorgio Piola</span>
Vettel ha soprannominato L'ina la sua Ferrari SF90 Giorgio Piola

Giorgio Piola

Quindi, nessun caso per un pilota che fatica a trovare il feeling con Lina (è così che ha soprannominato la sua SF90). Ma concedeteci una sottolineatura: perché non è stata tolta quella sedia vuota prima di iniziare la conferenza? Qualcuno in Ferrari ha voluto rimarcare l’assenza del... convitato di pietra o si è trattato di una banale dimenticanza?

Potrebbe interessarti anche...