Ferrero: "Agnelli? Non seguiamo i suoi deliri di onnipotenza. Servono sanzioni"

Omar Abo Arab
·2 minuto per la lettura

Nonostante il progetto Superlega, appena nato, sia già naufragato miseramente, le reazioni del mondo del calcio continuano ad arrivare. È il turno del presidente della Sampdoria Massimo Ferrero che, intervenendo ai microfoni di Radio Marte, ha lanciato un duro attacco ad Andrea Agnelli, patron Juve e tra i fondatori della Superlega insieme al suo omologo del Real Madrid Florentino Perez.

Proteste contro la Superlega in Inghilterra | JUSTIN TALLIS/Getty Images
Proteste contro la Superlega in Inghilterra | JUSTIN TALLIS/Getty Images

"I tifosi sono il sale del calcio, senza di loro non esisterebbe. Super League? Ho cercato di dare il mio pensiero. Siamo state 13 persone ad andare contro la fazione in Lega, poi purtroppo siamo rimasti i 4 dell’Ave Maria. Abbiamo dato un’immagine della Lega veramente sbagliata e voglio capire quelli che sono stati presi in giro come reagiranno. Dobbiamo riprendere in mano il calcio: se andiamo dietro a gente con il delirio di onnipotenza non andiamo da nessuna parte. Come si permettono?". Le parole di Ferrero riportate da Calciomercato.com, con il presidente blucerchiato che lancia poi il suo attacco ad Andrea Agnelli: "Ho sempre votato contro di lui, non gli sono mai andato dietro. In un momento così complicato fa una cosa del genere? Io non ho parole. Se dicessi quello che penso censurerebbero la radio. Assemblea di Lega? Io ho detto che lui era un genio e che meritava un applauso. Per me non dovevano stare in assemblea. Se ne sono andati, hanno voluto fare un loro percorso, perché erano lì? Se tu come idea vai a buttare a mare il sogno degli italiani perché sta lì con quella faccia d’angelo?"

Andrea Agnelli | Emilio Andreoli/Getty Images
Andrea Agnelli | Emilio Andreoli/Getty Images

Ma non solo, perchè Ferrero si augura che vengano presi provvedimenti per i club "secessionisti": "Sanzioni? Me lo auguro, ci saranno gli organi competenti che non credo che lasceranno passare. Il danno non è mio ma degli italiani. Abbiamo una persona di spessore come presidente della FIGC: lui saprà come fare. Gravina e gli organi preposti a questo giudizio sapranno ciò che si deve fare. Io rimango allibito perché secondo me Andrea è una brava persona. Non so che disegno abbia in mente e non so se sia stato trasportato da qualche idea".

Claudio Ranieri e Massimo Ferrero | Alessandro Sabattini/Getty Images
Claudio Ranieri e Massimo Ferrero | Alessandro Sabattini/Getty Images

"Ranieri? Se gli diciamo che servono più persone come lui mi chiede più stipendio. Lui è veramente un uomo di calcio, all’alba dei suoi 69 anni non ha bisogno di questo lavoro, lo fa solo per passione cerca di dare un imprinting ai giovani. Resta? Questo lo devo chiedere a lui" ha concluso Ferrero.

Segui 90min su Instagram per restare aggiornato sulla Serie A