Fifa oscuro alleato di Perez per la Superlega, che è ancora viva: JP Morgan investe quattromila milioni

·1 minuto per la lettura

La querelle legata alla SuperLega prosegue e finirà con ogni probabilità nei tribunali europei con un'estate che si preannuncia particolarmente bollente e non solo dal punto di vista metereologico. Filtrano nuove indiscrezioni sul futuro e anche dei retroscena importanti sulla nascita della SuperLega.

La banca d'investimento americana JP Morgan avrebbe firmato il 17 aprile un prestito fino a 4.000 milioni di euro per finanziare il progetto guidato da Florentino Perez e Andrea Agnelli. La società con cui il gigante americano degli investimenti ha sottoscritto il prestito è Tivalino Investment SL, società con sede a Barcellona: fa parte di TMF, una filiale del fondo di private equity britannico CVC Capital Partners.

Andrea Agnelli | Jonathan Moscrop/Getty Images
Andrea Agnelli | Jonathan Moscrop/Getty Images

CVC era uno dei fondi menzionati da Agnelli e da altri club di Serie A quando si parlava del possibile ingresso dei fondi nel nostro campionato. JP Morgan non avrebbe negato l'impegno di prestito con il fondo CVC per la nascita e la promozione della nuova competizione e stando a fonti spagnole, si parla anche di un investimento che è ancora vivo, nonostante l'uscita di scena dei 9 club. C'è di più: in Spagna sostengono che nessuno abbia davvero lasciato e che la SuperLega sia più viva che mai. Tutti sono in attesa, pronti eventualmente a salire sul carro (anche perché ci sarebbe una penale da 300 milioni da pagare per chi si è tirato indietro). E inoltre, dietro a Florentino Perez e agli altri, ci sarebbe l'appoggio 'oscuro' della Fifa di Infantino. Insomma, la questione è più aperta che mai.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità della SuperLega.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli