Fiorentina-Benevento per Astori: 'Franchi' in lacrime, stop al 13'

Goal.com
'Franchi' da brividi nel ricordo di Astori: riscaldamento con la sua maglia, silenzio, applausi commossi, cori e stop al 13' per il capitano.

Fiorentina-Benevento per Astori: 'Franchi' in lacrime, stop al 13'

'Franchi' da brividi nel ricordo di Astori: riscaldamento con la sua maglia, silenzio, applausi commossi, cori e stop al 13' per il capitano.

E' la domenica di Davide Astori. Inevitabilmente. Lo è soprattutto a Firenze, dove al 'Franchi' un'atmosfera surreale accompagna il ricordo dello sfortunato capitano viola nel 'lunch match' col Benevento

Si parte con un lungo striscione apparso in Curva Fiesole, dedicato a chi purtroppo non c'è più: "Ci sono uomini che non muoiono mai... Ci sono storie che verranno tramandate in eterno! Buon viaggio Capitano".

Ma non solo: "Le lacrime di un'intera città. Il legame da qui all'eternità", "Capitano vero, uomo d'altri tempi, fiorentino per sempre" e un "Ciao Davide" portato sul rettangolo di gioco dagli stessi compagni.

I quali nel riscaldamento pre-partita sono scesi in campo con addosso la maglia numero 13 che è stata di Astori, fino a domenica scorsa in quella maledetta notte di Udine.

Un lungo applauso ha accompagnato l'ingresso sul prato verde di Badelj e soci (Pioli compreso), seguito da un silenzio inusuale. Nel rispetto di Davide. Così come impressionanti sono stati gli oltre 2 minuti di raccoglimento osservati da tutto lo stadio.

Al 13', il match si è fermato e la Fiesole ha dato vita ad una splendida coreografia: 'Davide 13' in bianco e rosso su uno sfondo viola, tra gli applausi scroscianti del resto degli spalti e dei protagonisti del match.

Al 25', quando Vitor Hugo ha messo a segno di testa il goal dell'1-0, il brasiliano, sostituto in campo di Astori e con addosso la maglia numero 31 (l'opposto del 13), si è prima diretto verso la panchina prima per mostrare rispetto nei confronti della maglia del proprio ex compagno tenuta in mano da un magazziniere. Successivamente l'ha sventolata davanti agli occhi di tutto lo stadio, che ha risposto con grande partecipazione ed applausi.

La commozione è diventata ancora più forte al fischio finale. Tutti i giocatori viola, in particolar modo Badelj, hanno scaricato la tensione accumulata in campo scoppiando a piangere nel dirigersi sotto la Curva Fiesole, dove i tifosi hanno reso un ulteriore omaggio ad Astori con dei cori ed un continuo sventolare di bandiere.

Il patron della Viola Andrea Della Valle ha affidato a Twitter il proprio saluto ad Astori: "Ringrazio tutte le persone che ci sono state vicine, in particolare il popolo viola per l'amore e l'affetto con cui ci hanno confortato e sostenuto in un momento così tragico. Grazie per la dignità e il coraggio in onore di Davide".

Potrebbe interessarti anche...