Incontro tra la Fiorentina ed Enrico Chiesa, Pradè: "Apertura a rinnovo e permanenza"

Incontro a Firenze tra Commisso, Barone, Pradè ed Enrico Chiesa, papà e agente di Federico. Il ds: "Non ci ha chiesto di essere ceduto".
Incontro a Firenze tra Commisso, Barone, Pradè ed Enrico Chiesa, papà e agente di Federico. Il ds: "Non ci ha chiesto di essere ceduto".

Ore bollenti in casa Fiorentina : in mattinata, incontro tra il presidente Rocco Commisso ed Enrico Chiesa , papà di Federico che ne cura gli interessi.


Il meeting, svoltosi in un hotel di Firenze, quartier generale di Commisso in città, ha visto anche la presenza di Joe Barone, braccio destro del presidente, e Daniele Pradé, direttore sportivo del club.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Barone ha rilasciato alcune dichiarazione ai giornalisti presenti: sensazioni positive per un rinnovo che dovrebbe arrivare a breve, con reciproca soddisfazione delle parti in causa.

"E' un incontro fissato da due settimane, non dall'oggi al domani. Rinnovo? Stiamo parlando, vediamo. Io e Federico abbiamo un ottimo rapporto, parliamo sempre in inglese. Ora è concentrato a lavorare per superare l'infortunio ed essere pronto per la prossima partita. Siamo positivi, bisogna lasciarlo in pace perché deve pensare solo al campo. Ha altri due anni di contratto, è un patrimonio della Fiorentina e dell'Italia".

Alle parole di Barone, ha fatto eco Pradè nella conferenza stampa convocata per annunciare il rinnovo quinquennale del difensore Luca Ranieri.

"E' stato un bell'incontro. Positivo. Dove ci siamo detti tante cose. C'è voglia di dialogare ed è una cosa importante. Noi siamo la società, c'è un contratto, e non c'è frenesia di parlare di rinnovo o cessione. La cosa principale è che lui stia bene e che l'affaticamento all'adduttore lo possiamo tenere sotto controllo per farlo giocare per la squadra e che ci possa far vincere le partite. E' questo il succo dell'incontro di stamani". 

"Non ci ha chiesto di essere ceduto né ora né a giugno. Cederlo a gennaio? Non ho mai visto un trasferimento così grande a gennaio. Abbiamo parlato anche di futuro. Un rinnovo non si fa con un incontro ma abbiamo gettato le basi per i prossimi incontri. La Fiorentina ha due anni e mezzo di contratto con una proprietà fortissima e sono tanti. Abbiamo appreso un'apertura da parte di Enrico alla possibilità di rinnovo e di permanenza. Non c'è stato nessun pressing da parte di Juventus e Inter. Zero pressione".

Infine, ecco il pensiero di Commisso dopo il summit avvenuto in città con Chiesa senior.

"Federico sa quanto è importante, sa che da parte nostra, specialmente da parte mia, non c'è mai stata una critica però siamo una squadra e la squadra deve giocare insieme, perché è importante per la città e per i tifosi".

Potrebbe interessarti anche...