Fiorentina-Milan 2-3: le pagelle dei rossoneri di Pioli

Alessio Eremita
·2 minuto per la lettura

Il Milan sbanca il Franchi superando la Fiorentina per 3-2. Decisiva la rete di Calhanoglu dopo quelle di Ibrahimovic e Brahim Diaz. Le pagelle della squadra rossonera al termine del match.

Donnarumma 5,5 - Sul primo gol, nato da una pregevole punizione di Pulgar, si fa trovare impreparato. In occasione del raddoppio viola, però, non può nulla. Troppi i giocatori sulla traiettoria del pallone.

Dalot 5 - Prestazione deludente da parte del terzino portoghese, che già contro il Manchester United aveva fatto intravedere un notevole calo sia fisico sia mentale.

Kjaer 7,5 - Attento in difesa, fondamentale in avanti. Firma due assist che permettono al Milan prima di portarsi in vantaggio e poi di pareggiare i conti nella ripresa.

Tomori 6,5 - Gioca con la solita cattiveria che lo contraddistingue. Dinamico e affidabile, sbaglia pochissimi interventi e garantisce una certa rapidità all’impostazione del gioco.

Theo Hernandez 6,5 - Ormai lo conosciamo, e nemmeno ci sorprende. Si spinge oltre il compitino e risulta ancora una volta tra le risorse principali di Pioli.

Tonali 5,5 - Non incide come dovrebbe, soffrendo la pressione a centrocampo della Fiorentina. Un’ora di gioco può bastare (58’ Bennacer 6 - Mette ordine a centrocampo e offre maggiori garanzie rispetto all’ex Brescia).

Kessié 7 - Come farebbe il Milan senza di lui? Il suo apporto ai compagni è importante, come dimostrato anche in fase offensiva per il gol di Calhanoglu. È ovunque.

Saelemaekers - (58’ Castillejo 6 - Dona freschezza all’attacco milanista. Intuizione corretta per l’economia della gara).

Calhanoglu 6,5 - Un diesel che si nota sulla distanza. La giocata più difficile per lui è semplicissima: tiro al volo e pallone nell’angolino lontano dove Terracciano non può arrivare. La vittoria rossonera è anche merito suo (91' Meité sv).

Brahim Diaz 6,5 - Le idee non gli mancano, ma fatica a metterle in pratica per gran parte del match. Suo il gol del 2-2 da vero predatore dell’area di rigore. (80’ Krunic sv).

Ibrahimovic 7 - È sempre importante, specialmente quando segna. Solo la traversa gli nega la gioia della doppietta.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A.