Fiorentina, rettilineo finale per Grillitsch: l'agente in città per chiudere, dati e caratteristiche del dopo-Torreira

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Come già avvenuto nelle scorse stagioni - con affari come quelli fatti con Ribery, Callejon e Bonaventura – la Fiorentina di Rocco Commisso torna ad attingere dal mercato degli svincolati. Dopo l’inattesa partenza di Lucas Torreira, con i viola che hanno preferito non cedere alle richieste economiche dell’Arsenal e del procuratore, è arrivata l’esigenza di qualche ritocco in mezzo al campo tanto che Vincenzo Italiano avrebbe già individuato, e comunicato alla dirigenza, il sostituto ideale. IL PROFILO – Si tratta del classe ’95 austriaco Florian Grillitsch, centrocampista centrale ex Hoffenheim, cresciuto in Austria ma poi sbocciato nel settore giovanile del Werder Brema. Centrocampista centrale di quasi 1.90m ancora nel pieno della carriera e che ha accumulato una certa esperienza, anche a livello internazionale: per lui sono 16 le presenze e 4 reti in Europa (accumulate tra Europa League e Conference League), oltre che ben 33 presenze ed una rete con la maglia della nazionale austriaca. Centrocampista prestante dal punto di vista della struttura fisica, anche se la qualità tecnica rappresenta la sua dote più evidente.

RETTILINEO FINALE - L’agente, Kristian Bereit, si è fatto notare a Firenze già nella giornata di ieri: siamo ormai alle battute conclusive di un affare a zero che frutterà al centrocampista austriaco un contratto quadriennale (tutt'al più un triennale con opzione per il quarto anno) a circa due milioni a stagione e le chiavi della mediana viola. Le dichiarazioni con le quali Grillitsch ha salutato l'Hoffenheim hanno lasciato un po' perplessi: "ora vado in un top club". Ma questo sarà solo un ottimo viatico per presentarsi a Firenze, piazza esigente anche circa la considerazione esterna della squadra viola.

COME CAMBIEREBBE LA FIORENTINA - Giocatore versatile, in grado di ricoprire tanti ruoli in mezzo al campo, ma in carriera la maggior parte del tempo lo ha trascorso in cabina di regia. Destro naturale, non velocissimo ma dotato di grande visione di gioco, bravo nel fraseggio, elegante ed essenziale nelle giocate. Può giocare anche da mezzala o in un centrocampo a due assieme ad un elemento più dinamico e votato all’interdizione. Nell’ultima stagione all’Hoffenheim in molte occasioni ha svolto anche il ruolo di difensore centrale in una difesa a 3. Intelligente tatticamente, ha buone doti balistiche ma ha segnato poco rispetto alle possibilità: appena 14 reti nei professionisti

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli