Flop Super League, JP Morgan rilancia: "Saremo sempre pronti a dare il nostro supporto al calcio europeo"

Stefano Bertocchi
·1 minuto per la lettura

JP Morgan rilancia. Un un'intervista concessa a Bloomberg durante il programma“Front Row”, Daniel Pinto, co-presidente e responsabile delle operazioni della nota banca che si era resa disponibile a finanziare la Super League, chiarisce le sue intenzioni: "Non credo che dalla vicenda Super League possa derivare un danno per la reputazione. E' calcio... C'è sempre molta emotività intorno al calcio. Quello che posso dire è che noi abbiamo preparato un progetto di prestito per un cliente. Non è nostro compito decidere quale sia il modo migliore nel quale il calcio possa operare in Europa e nel Regno Unito. Ora speriamo che la Super League, la Fifa, l'Uefa e le leghe nazionali si riuniscano insieme e trovino una soluzione: che sia la stessa Super League o un qualche altro progetto. E da quel momento, ovvero da quando le varie componenti troveranno una soluzione, che sarà sicuramente meglio se concordata insieme, noi saremo sempre pronti a dare il nostro supporto al calcio europeo".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

"Non ci siamo sentiti trascinati in qualcosa che non ci aspettavamo. Anche perché ci aspettavano che questa cosa sarebbe stata una questione emotiva, che ci sarebbero state persone con idee differenti e questo è quello che è accaduto - ha poi aggiunto Pinto -. E' chiaro che abbiamo giudicato male la grandezza dei sentimenti che questo accordo avrebbe creato e impareremo da questa esperienza come società. Alla fine i tifosi del calcio sono stati ascoltati forte e chiaro e questo è ciò che importa di più".

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità.