Floro Flores 'sistema' Di Natale: "Non giocare a Napoli è offensivo"

Floro Flores non è d'accordo con la scelta di Totò Di Natale di saltare puntualmente le trasferte a Napoli: "Offensivo per tifosi e per chi ti paga".

Qualche giorno fa Totò Di Natale aveva spiegato di aver puntualmente saltato - quindi scientemente e non per le scusanti addotte di volta in volta - le trasferte a Napoli perchè "fare goal era come segnare a mio fratello, per questo era meglio evitare".

Una presa di posizione che non è andata giù al partenopeo verace Antonio Floro Flores, che dalla pagine del 'Messaggero Veneto' non le manda certo a dire all'ex attaccante di Udinese e Nazionale: "Credo che ognuno sia libero di fare le proprie scelte e non voglio che le mie parole possano risultare polemiche, ma non giocare a Napoli, o in un’altra piazza, indossando un’altra maglia perché a quella squadra sei in qualche modo legato, lo ritengo prima di tutto offensivo per i tifosi di cui stai difendendo i colori in quel momento".

Floro Flores, attualmente al Bari e in precedenza tra le altre in forza proprio all'Udinese dal 2007 e il 2012, affonda ulteriomente il colpo: "Non condivido questo comportamento, anche perché io vado a giocare a Napoli da giocatore dell’Udinese, società che, tra l’altro, mi sta pagando. Ma ripeto, ognuno è libero di scegliere...".

Anzi al contrario il 33enne attaccante ha trovato nella sua carriera solo stimoli e motivazioni dallo scendere in campo al San Paolo essendo napoletano: "È un’emozione che in altri stadi non si può provare. Scendi in campo e pensi inevitabilmente che stai per giocare davanti ai tuoi amici di sempre, ai vecchi compagni di scuola e davanti alla Curva B, dove da ragazzino andavi a vedere la partita... È indescrivibile quello che si prova".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità