Follia a Lisbona: ultras picchiano i giocatori dello Sporting

Yahoo Sports IT
50 tifosi, o presunti tali, hanno fatto irruzione incappucciati nel centro sportivo dello Sporting e hanno aggredito i giocatori biancoverdi, l’allenatore Jorge Jesus e lo staff tecnico. (Credits – Instagram)
50 tifosi, o presunti tali, hanno fatto irruzione incappucciati nel centro sportivo dello Sporting e hanno aggredito i giocatori biancoverdi, l’allenatore Jorge Jesus e lo staff tecnico. (Credits – Instagram)

La miccia che ha scatenato la follia è stata la sconfitta dello Sporting Lisbona nell’ultima giornata di campionato contro il Maritimo. Un ko che costa il secondo posto in classifica ai biancoverdi e li estromette dalla prossima Champions League. Un fallimento che secondo un gruppo di ultras giustifica un’aggressione folle e violenta.

50 tifosi, o presunti tali, hanno fatto irruzione incappucciati nel centro sportivo dello Sporting e hanno aggredito i giocatori biancoverdi, l’allenatore Jorge Jesus e lo staff tecnico con cinture, torce e spranghe. Un’aggressione criminale in piena regola, con le vittime che non hanno potuto fare nulla per evitare di subire la violenza gratuita.

Tra i giocatori che hanno subito le maggiori violenze ci sono Acuna, Rui Patricio, William Carvalho, Misic e Battaglia, mentre lo spavento maggiore è arrivato per l’attaccante Bas Dost che è rimasto ferito alla testa. Una violenza gratuita e folle e che arriva alla vigilia della finale di Coppa nazionale contro l’Aves, partita alla quale però diversi giocatori dello Sporting potrebbero rinunciare e rifiutarsi di scendere in campo. Non solo, perché molti atleti hanno chiesto la rescissione del contratto dopo quello che è accaduto.

“Lo Sporting vuole condannare fermamente quanto accaduto oggi all’Academia Sporting. Non possiamo in alcun modo essere d’accordo quando ci sono atti di vandalismo o aggressione nei confronti degli atleti, degli allenatori e dello staff tecnico, né con altri atteggiamenti che non sono assolutamente in linea con la storia del club. Lo Sporting non è questo, non può essere questo. Faremo ogni tipo di sforzo per individuare i responsabili e non mancheremo di infliggere punizioni nei confronti di coloro che hanno agito in questo modo pietoso” ha scritto nella serata di ieri la società in un comunicato stampa ufficiale. Ovviamente indaga anche la polizia portoghese che sta cercando di identificare i 50 teppisti coinvolti.

Potrebbe interessarti anche...