Fonseca: "A inizio anno davano la Roma settima, era già un segnale..."

Omar Abo Arab
·1 minuto per la lettura

Altro giro, altra sconfitta per una Roma che ha ormai mollato ufficialmente la presa. Al "Ferraris" i giallorossi escono battuti 2-0 dalla Sampdoria e Paulo Fonseca, ai microfoni di Sky Sport, ha commentato così l'ennesima disfatta della stagione.

L'esultanza doriana dopo il vantaggio | Getty Images/Getty Images
L'esultanza doriana dopo il vantaggio | Getty Images/Getty Images

La squadra sembra essersi arresa a questo periodo?
“Sì, è un momento difficile. Penso che abbiamo fatto un buon primo tempo dopo la sconfitta contro il Manchester, poi abbiamo subìto gol prima del duplice fischio e non abbiamo avuto forze per reagire”.

C’è ancora relazione con la squadra?
“Dobbiamo capire il momento che è molto difficile, la sconfitta con il Manchester non è stata facile, è un momento difficile”.

È stato un errore decidere di puntare tutto sull’Europa League?
“Fino a marzo stavamo lottando in campionato e in Europa League, non abbiamo mollato. Il problema è che ci mancano 10 giocatori, alcuni di loro sono difficili da sostituire. È stato difficile gestire marzo con tanti problemi e tante partite, poi è successo quello che è successo”.

Dzeko, oggi impreciso anche dal dischetto | Getty Images/Getty Images
Dzeko, oggi impreciso anche dal dischetto | Getty Images/Getty Images

Da cosa derivano tutti questi problemi fisici?
“Abbiamo avuto problemi in tanti giocatori, non abbiamo avuto tempo per preparare alcune partite, penso che abbiamo avuto pochi giocatori disponibili e tanti problemi”.

La Roma ha una rosa da Champions? Si poteva fare di più?
“Mi ricordo che Sky aveva fatto una previsione e si era detto che saremmo arrivati settimi, era un segnale. Avremmo potuto fare di più, però non abbiamo avuti tanti giocatori, con tutti a disposizione avremmo potuto fare di più”.

Segui 90min su Instagram.