Fonseca: "Non conta il mio futuro, la Roma sì. Mkhitaryan? Non sarà titolare"

Omar Abo Arab
·3 minuto per la lettura

La testa della Roma è puntata al ritorno dei quarti di finale di Europa League contro l'Ajax, in programma giovedì prossimo, ma prima, in Serie A, c'è un avversario ostico come il Bologna. Paulo Fonseca, in conferenza stampa, ha presentato così la gara dell'Olimpico contro i rossoblù.

L'esultanza al gol di Ibanez con l'Ajax | Dean Mouhtaropoulos/Getty Images
L'esultanza al gol di Ibanez con l'Ajax | Dean Mouhtaropoulos/Getty Images

C'è una contraddizione tra il cammino in Europa e quello in campionato?
"Sono due competizioni diverse. Come ho detto prima dell'Ajax, siamo sempre stati tra i primi quattro in classifica e dobbiamo dire che ci sono venuti a mancare giocatori importanti e abbiamo perso i primi posti. Il campionato è una competizione lunga, con molte partite, in Europa ci sono match a eliminazione diretta. Questa è la verità, in una competizione lunga si può sbagliare di più e se mancano giocatori è difficile" le parole del tecnico riportate da Vocegiallorossa.it.

Ha mai pensato di aggiungere al suo staff un conoscitore del calcio italiano?
"No, mai".

Fonseca e Diawara | JOHN THYS/Getty Images
Fonseca e Diawara | JOHN THYS/Getty Images

Come ha lavorato sulla testa dei giocatori per farli pensare al Bologna?
"I giocatori sanno che la prossima partita è sempre la più importante. Devono capire che vincere col Bologna è importantissimo".

Sabatini in un'intervista le ha fatto i complimenti.
"Lo ringrazio, ma non ho visto l'intervista e non commento ciò che non ho visto".

Il suo futuro?
"Il mio futuro non è importante, penso solo al presente. La cosa più importante è la Roma".

Henrikh Mkhitaryan | Silvia Lore/Getty Images
Henrikh Mkhitaryan | Silvia Lore/Getty Images

Smalling, Mkhitaryan e Veretout?
"Sarà difficile avere Smalling per l'Ajax. Mkhitaryan si è allenato solo oggi con la squadra, domani non ci sarà dall'inizio. Per Veretout vediamo domani".

Pastore?
"Lui è stato fermo tanto tempo. Ho parlato con lui, deve tornare a giocare al momento giusto. Lui sa quello che penso".

Javier Pastore | Jonathan Moscrop/Getty Images
Javier Pastore | Jonathan Moscrop/Getty Images

I tanti infortuni ai flessori?
"Non è un problema solo nostro, ma di tutte le squadre che giocano tanto. Quello che succede alla Roma sta succedendo in tanti grandi club. Ci sono stati tanti infortuni con le partite delle Nazionali, poi il calendario è pieno, con tante partite. Ora questo problema emerge maggiormente, ma il problema sono le troppe partite. Guardiola parla sempre di questo problema, i giocatori giocano troppo".

Si può scegliere di puntare solo su una competizione?
"Conta solo la prossima partita".

Cosa manca al calcio italiano per puntare sui giovani?
"Il problema è culturale e di necessità. La Serie A è uno dei più grandi campionati al mondo, mentre in paesi come Olanda e Portogallo non hanno grande potere di acquisto e sono obbligati a puntare sui giovani. Le squadre italiane hanno potere di acquisto, ma qui a Roma abbiamo molti giovani come Kumbulla, Calafiori, Villar".

Come difendere col Bologna?
"La partita sarà difficile, ma siamo concentrati. Loro sono aggressivi e hanno giocatori di qualità".

Reynolds a Parma | MB Media/Getty Images
Reynolds a Parma | MB Media/Getty Images

Santon e Reynolds?
"Sono convocati, sono pronti per giocare, vediamo domani".

Come sta Spinazzola?
"Domani non ci sarà".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Roma e della Serie A.