Fonseca sbotta: 'Difficile capire il rinvio di Juve-Napoli. Pedro sarà titolare, non rischio Smalling'

·2 minuto per la lettura

L’allenatore della Roma Paulo Fonseca ha parlato alla vigilia della trasferta di Parma, nella quale il tecnico portoghese ha preannunciato un discreto turn-over per preservare le energie di alcuni suoi calciatori in vista anche del match in Ucraina in Europa League di giovedì prossimo. Fonseca è però intervenuto anche sul discusso slittamento al 7 aprile del recupero tra Juventus e Napoli (fissato inizialmente per mercoledì 17 marzo), che potrebbe condizionare la corsa ai posti che valgono la Champions League.

"Onestamente a me non piace commentare quando non conosce bene le ragioni dello spostamento della gara. Preparare tre partite in una settimana è diverso dal prepararne due. Noi dovremo preparare una partita col Napoli subito dopo quella in Ucraina. Da allenatore è difficile capire perché l'hanno rinviata, se invece fossi Gattuso sarebbe normale preferire non giocare Juve-Napoli", ha dichiarato.

Sulle condizioni dei suoi: "Su Cristante vediamo domani. Stiamo giocando molte partite, abbiamo giocatori che hanno giocato quasi sempre e sono più stanchi di altro. Domani dovremo cambiare per avere calciatori più freschi. Molti giocatori sono stanchi, cambieremo qualcosa. Non abbiamo molte soluzioni ma sostituirò quattro-cinque giocatori. Smalling? Ha giocato benissimo col Genoa, poi non ha giocato con lo Shakhtar perché aveva un fastidio. Non ha giocato perché io pensavo di farlo giocare col Parma. Smalling continua ad avere questo fastidio ed è meglio non rischiarlo domani per non perderlo a lungo".

Sulle scelte in attacco: "Borja Mayoral o Dzeko? Non voglio dire chi giocherà domani. Dzeko sta bene, Borja anche. Si sono allenati e sono entrambi pronti. Pedro sarà titolare, ha fatto molto bene con lo Shakhtar. El Shaarawy titolare? Vediamo domani. Stephan ha fatto un gol importante ed è entrato molto bene con lo Shakhtar. È migliorato molto, sta meglio e ha fiducia. È un giocatore diverse e per questo lo abbiamo preso. Lasciamo lavorare El Shaarawy: ha molte pressioni perché ci si aspetta che lui risolva i problemi della Roma. Dobbiamo lasciargli lo spazio, non dobbiamo creare troppa pressione perché non ha giocato molto nell'ultimo anno e lui ha bisogno di tranquillità".