Fortress e fondo sovrano saudita interessati al prestito, Bc Partners all'intera società Inter

Stefano Bertocchi
·1 minuto per la lettura

In casa Inter si respira più fiducia sulla questione societaria: il club nerazzurro pensa che sia ormai vicino il momento dell’ossigeno per i conti. Come noto ormai da diverse settimane, servono circa 250 milioni di euro per arrivare fino a fine stagione e per questo decisivo finanziamento resta in pole il gruppo d’investimento americano Fortress, anche se viene analizzato pure il dossier del fondo sovrano dell’Arabia Saudita.

L'Inter festeggia un gol a Torino | Stefano Guidi/Getty Images
L'Inter festeggia un gol a Torino | Stefano Guidi/Getty Images

È quanto scriveva ieri La Gazzetta dello Sport, precisando anche che "qualunque sia il vincitore, il presidente Zhang vuole tornare in Italia a metà aprile con la partita societaria già chiusa. Così potrà godersi il rush finale per il titolo e concentrarsi sui programmi futuri".

Anche Repubblica conferma che tra i fondi di debito interessati a prestare soldi all'Inter c'è anche l'americano Fortress, che in Italia ha investito per lo più nell'acquisto di crediti deterioriati e a rischio. Secondo il quotidiano generalista resta però aperto anche il discorso con il fondo sovrano saudita, mentre alla finestra resiste sempre BC Partners, interessato però a rilevare l'Intera società: c'è stata una trattativa, ma finora non si è trovato un punto d'incontro tra domanda e offerta.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo dell'Inter e della Serie A!