Francesco Molinari torna in campo nello Houston open

Adx
·2 minuto per la lettura

Roma, 4 nov. (askanews) - Francesco Molinari ritorna in campo per partecipare al Vivint Houston Open (5-8 novembre) il torneo del PGA Tour in programma al Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. E' la seconda gara dell'azzurro dopo la pausa di sette mesi tra lockdown e trasferimento da Londra a Los Angeles e di un altro mese dalla prima (Shriners Hospitals). E' un evento con due rientri importanti, quelli di Dustin Johnson, numero uno mondiale, e dell'australiano Adam Scott, entrambi dopo aver terminato la quarantena per la positività al Coronavirus, e con la novità per gli Stati Uniti del ritorno del pubblico, dopo l'esperimento della scorsa settimana alle Bermuda. Nell'occasione furono ammessi 500 spettatori per giro, questa volta saranno 2.000 al giorno tutti sottoposti al controllo della temperatura corporea, con l'obbligo di indossare la mascherina e di rispettare il distanziamento sociale. Il PGA Tour spera di tornare alla normalità nei primi mesi del 2021, pandemia permettendo. E' la gara che precede il Masters (Augusta National, 12-15 novembre) e pertanto Molinari e tutti gli altri in gara avranno sicuramente l'attenzione concentrata sull'evento, tuttavia sarà inevitabile che pensino anche ad affinare la condizione in vista dell'ultimo major stagionale. Buona parte dei big hanno scelto di riposare, ma il field è comunque di qualità. Alla partenza Brooks Koepka, che conosce perfettamente il campo avendo collaborato con l'architetto Tom Doak alla revisione, e saranno della partita anche Jordan Spieth, sempre alla ricerca del suo gioco perduto, e Phil MIckelson, che solitamente non manca quasi mai al torneo precedente al Masters, uno dei pochi giocatori ad aver fatto la doppietta. Avvenne nel 2006, quando prima di indossare la giacca verde si impose nel BellShout Classic. Tra gli altri, da ricordare lo spagnolo Sergio Garcia, il giapponese Hideki Matsuyama, lo svedese Henrik Stenson, l'australiano Jason Day e il giovane norvegese Viktor Hovland. Difende l'unico titolo sul circuito Lanto Griffin, 32enne di Mount Shasta (California) nel cui palmarès figurano pure sue vittorie sul Korn Ferry Tour, Il montepremi è di 7.000.000 di dollari.