Francesco Totti ha annunciato di volersi tutelare nelle sedi opportune

·1 minuto per la lettura
Francesco Totti
Francesco Totti

Francesco Totti e l’esposto dell’Associazione italiana agenti calciatori (AIACS). Parte così la vicenda tra l’ex capitano della Roma e l’associazione che accusa Totti di voler fare l’agente, pur non avendo i requisiti specifici, almeno per il momento. Totti è quindi accusato di operare da agente senza esserlo in maniera ufficiale, come previsto dalla legge. La Figc ha ricevuto un esposto oggetto di valutazioni.

Totti e l’attività di scouting

Da poco più di un anno Francesco Totti ha avviato l’attività di talent scout grazie all’agenzia CT10 management dichiarando a più riprese di non “esercitare il ruolo di procuratore, ma soltanto di imprenditore. Non esercito l’attività di agente sportivo. Ho deciso di investire nel settore di riferimento in qualità di uomo di sport e di libero imprenditore, nel rispetto di tutte le normative vigenti”.

Il commento

L’esposto avrebbe comunque dato il via alle indagini della Figc, con tanto di apposito fascicolo. L’ex capitano della Roma ha affidato formalmente la sua agenzia a un manager titolato. Totti ovviamente non ci sta e risponde alle accuse. “Dopo alcuni chiarimenti – si legge sulla Gazzetta dello Sport – mi riservo di agire nelle sedi competenti contro chiunque, nel maldestro tentativo di ritagliarsi un attimo di notorietà, abbia pubblicamente rilasciato in passato e/o rilasciasse in futuro, dichiarazioni lesive della mia onorabilità”.

Nel frattempo la vicenda tra Antonio Conte e Andrea Agnelli ancora non si è placata: questo è il commento di Paolo Bolonis.