Gabigol, il re delle finali: un flop da 30 milioni all'Inter, più di 100 gol col Flamengo

Il ricordo di Gabigol in Italia è quello di un flop clamoroso: pagato 30 milioni dall'Inter, ha fatto dieci partite e un solo gol nella stagione 2016-17. Doveva essere un crac, ma dopo un anno aveva già la valigia pronta con destinazione Benfica. Ricordate? Ecco, dimenticatevi quel brasiliano dal muso lungo che giocava poco e niente in nerazzurro nella stagione dei tre allenatori (Boer, Pioli e Vecchi).

RE DELLE FINALI - Oggi Gabigol sorride e segna col Flamengo: più di 100 gol in quattro anni, l'ultimo ieri nella finale della Coppa Libertdores contro l'Athletico Paranaense di Scolari. 1-0 finale, decisivo il gol del brasiliano con un tap-in su cross di Everton Ribeiro. E' la quarta rete in una finale di Libertadores, solo Luizão come lui: nel 2019 segnò la doppietta decisiva contro il River Plate, due anni dopo il suo gol non bastò per evitare la sconfitta contro il Palmeiras.

AMARCORD SERIE A - Stavolta invece Gabigol fa festa, terza Libertadores nella storia del Flamengo e agganciate Nacional di Montevideo, Olimpia di Asuncion, Sao Paulo e Palmeiras. Un Flamengo dal sapore di Serie A: l'ex Fiorentina Pedro è stato premiato come miglior giocatore del torneo con 12 gol in 13 gare, a 20 minuti dalla fine è entrato Vidal e un quarto d'ora dopo dentro l'altro ex Fiorentina Vitor Hugo per difendere il risultato. In panchina c'erano anche Diego e Pulgar. Amarcord italiano, per un Flamengo Tricampeao. E Gabigol in copertina.