“Gaia e Camilla sono morte sul colpo”

I fiori sul luogo dell'incidente all'altezza di Corso Francia (foto Cecilia Fabiano-LaPresse)
I fiori sul luogo dell'incidente all'altezza di Corso Francia (foto Cecilia Fabiano-LaPresse)

Gaia e Camilla sono morte sul colpo e non sarebbero state investite da altre auto. E' quanto è emerso dai primi risultati dell'autopsia sui corpi delle due studentesse di 16 anni del liceo De Sanctis travolte dall'auto guidata da Pietro Genovese mentre attraversavano Corso Francia.

VIDEO - Roma, disposta l'autopsia delle due ragazze investite e uccise

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Le ragazzine sono morte per lo sfondamento della scatola cranica. Sui corpi sono state trovate altre fratture, ma non segni di trascinamento, elemento che farebbe supporre che le due amiche non sarebbero state investite da altre auto dopo il primo, terribile impatto.

L'autopsia sui corpi di Gaia von Freymann e Camilla Romagnoli è stata disposta dalla procura di Roma che sta lavorando per chiarire i dettagli del caso.

LEGGI ANCHE: La sorella di Pietro: "Distrutta per Gaia e Camilla. Ma non è colpa di mio fratello"

L'incidente è avvenuto la notte tra sabato e domenica, non lontano da Ponte Milvio, zona della movida di Roma Nord. Da una prima ricostruzione le due ragazze avrebbero attraversato la strada a scorrimento veloce mentre scendeva una pioggia battente per essere poi travolte dal suv guidato dal 20enne, figlio del regista Paolo Genovese.

LEGGI ANCHE: Il ventenne che ha investito e ucciso due sedicenni guidava in stato di ebbrezza

L'investitore, ancora in stato di shock per quanto è accaduto, risulta intanto indagato per omicidio stradale duplice. Per il giovane, che rischia un provvedimento di custodia cautelare, è stata confermata la positività a alcol (riscontrato un tasso pari a 1,4 grammi per litro) e stupefacenti. Nel suo passato ci sarebbero due episodi di possesso di droga, in relazione ai quali sembra gli sia stata sospesa la patente, restituita solo di recente.

LEGGI ANCHE: Gaia e il papà paralizzato dopo un incidente

Intanto le famiglie delle due ragazze, distrutte, chiedono giustizia mentre sul luogo dell'incidente continua il pellegrinaggio degli amici delle due adolescenti che lasciano fiori, bigliettini e fotografie in ricordo delle compagne scomparse. Su uno striscione, la scritta "Gaia e Camilla sempre con noi".

GUARDA ANCHE: Incidenti stradali, numeri drammatici per i giovan

Potrebbe interessarti anche...