Galeone: "La Juve non mi piace ma richiamando Allegri ha ammesso i suoi errori. Vi dico come sta Max"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Giovanni Galeone, ex allenatore, amico e mentore di Massimiliano Allegri, è stato intervistato da Tuttosport. L'ex tecnico ha parlato del suo figlio calcistico, tornato ufficialmente alla Juventus in queste settimane.

Galeone, come ha sentito Allegri dopo il ritorno alla Juventus?

"Ci siamo visti nei giorni scorsi. È molto carico, felice. E lo sono tanto anche io. Max sarà sempre lo stesso. È un livornese, non cambia. Lui non va mai in difficoltà. E se ci va, s’inventa sempre qualcosa. È il migliore in assoluto nel leggere le partite".

Non avrebbe preferito vedere Allegri al Real Madrid?

"Come sapete, non ho mai amato moltissimo la Juventus. Proprio per questo mi piace la figura che ha fatto richiamando Max... Ammettere gli errori non è mai semplice per nessuno, figurarsi per una delle famiglie più importanti d’Italia. Ma è anche sintomo di intelligenza. Allegri era stato allontanato per divergenze tecniche, non a caso dopo di lui sono andati via Mandzukic, Emre Can, Matuidi e Khedira...".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.