Galliani, frecciata alla Juve: "Col Var ci avrebbero dato il gol di Muntari. Ronaldo un esempio"

Antonio Parrotto
90min

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus della Serie A!

Adriano Galliani, attuale dirigenza del Monza, ha parlato a Tiki Tak su Italia 1. L'ex a.d. ha parlato del ​Milan ma si è sbilanciato anche sul momento della ​Juventus. Ecco le sue parole riportate da Tuttosport: "Una delle cose che mi dà più fastidio è quando si critica chi arriva dopo la cessione di un club. È inelegante, io sono un tifoso pazzo del Milan, voglio solo tifare e non darò nessun consiglio a due amici come Paolo e Zvone. Lasciamo a loro l'onore e l'onere di gestire questo Milan. Non guarderò il derby a San Siro perché domenica pomeriggio sarò a Siena per la partita del Monza e poi lo guarderò in treno sul telefono".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio



Adriano Galliani
Adriano Galliani

​Cristiano Ronaldo?


"I campioni sono prima di tutto persone straordinarie. Prima delle qualità tecniche devono esserci quelle umane. Al Milan, in 31 anni, ho visto giocatori normali restare a Milanello 15 anni e giocatori di grande talento perdersi. È facile raggiungere il successo ma è difficilissimo conservarlo. È incredibile in questo senso l'esempio di Cristiano Ronaldo che si allena ancora in maniera impeccabile, lavora sempre ed è a questi livelli da molti anni. È ammirevole". 


Complicato stabilire se il portoghese sia il giocatore più forte nella storia della Juve?


"Impossibile fare paragoni tra le varie epoche, cambia tutto. Però io quando ho rivisto Van Basten alla Scala di Milano, alla premiazione della FIFA, mi sono inginocchiato e gli ho baciato l'anello. Gli ho detto che dopo di lui al Milan non ho più visto un centravanti così. Ecco, Van Basten è indiscutibile".

Lotito?

"Nelle trattative di mercato è funambolico. Ricordo quando abbiamo preso Oddo: non è stata una trattativa, ma una tempesta perfetta".

VAR?

"Si può migliorare ma sono convinto che le polemiche nel calcio siano molto diminuite con la VAR. Nel tennis c'è l'occhio di falco che dice se la palla è fuori o dentro. Ci fosse stato, magari il gol di Muntari ce l'avrebbero dato". 

Potrebbe interessarti anche...