Gasperini alla Juve: i pro e i contro dalla tattica a Ronaldo, finisce 5-2

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Domani sera Gian Piero Gasperini affronterà la Juventus nella finale di Coppa Italia, con la sua Atalanta, ma l'anno prossimo potrebbe anche allenarla. Al netto delle parole di Antonio Percassi ("Non abbiamo mai pensato di separarci da Gasp, proseguiremo con lui e potremmo rinnovargli il contratto), il tecnico degli orobici figura infatti fra i principali candidati alla successione di Andrea Pirlo nel caso (molto probabile) in cui la Juve decidesse di esonerare l'attuale allenatore. 

VIDEO - Pirlo: "Se non hai il fuoco dentro perdi punti per strada"

Come vi abbiamo raccontato ieri grazie al nostro Nicola Balice, ci sono stati contatti approfonditi anche con Agnelli, e se i bianconeri decidessero di chiamarlo, Gasperini direbbe di sì, nonostante le parole di Percassi. Certo, Gasp non è né il primo della lista, né l'unico pretendente alla panchina bianconera, perché con lui ci sono Zinedine Zidane (il candidato numero 1), Simone Inzaghi, Rino Gattuso e Sinisa Mihajlovic, con Max Allegri invece sempre più indirizzato verso il Real Madrid. Ma Gasperini è in lizza, e con le carte in regola per partecipare alla selezione con speranze di successo. Nel caso in cui la Juve decidesse davvero di puntare sul tecnico di Grugliasco, quali sarebbero i pro e i contro di questa scelta? Secondo noi i pro supererebbero i contro, 5-2. Vediamoli insieme.

CONTINUA A LEGGERE: GASPERINI ALLA JUVE, PRO E CONTRO, FINISCE 5-2

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli