Gasperini: "Scudetto all'Inter? Possibile, ma mancano ancora 13 giornate..."

Omar Abo Arab
·3 minuto per la lettura

Giornata di vigilia per Gian Piero Gasperini e la sua Atalanta. I nerazzurri, domani sera a San Siro, faranno visita alla capolista Inter nel posticipo del lunedì della 26ª giornata di Serie A. Una gara che il tecnico orobico ha presentato così in conferenza stampa.

L'esultanza al gol di Miranchuk | Emilio Andreoli/Getty Images
L'esultanza al gol di Miranchuk | Emilio Andreoli/Getty Images

TRA I PALI - Chi gioca domani in porta? O Gollini o Sportiello. Marco sta bene, è stato decisivo sia con la Sampdoria pur non essendo stato molto impegnato e domenica scorsa con il Crotone in un paio di occasioni: è in un ottimo momento e merita delle chancessi legge su Calciomercato.com.

(QUASI) MIGLIOR ATTACCO - Riuscire a essere ai vertici per gol realizzati per tanti campionati è un merito della squadra e una soddisfazione. I gol portano punti, ma per fare i bilanci ci vuole più tempo: siamo in una bella striscia, per i risultati, per le varianti che abbiamo, per la fiducia e per il bel clima. C'è una crescita generale, anche in giocatori come Miranchuk, anche in allenamento. Siamo sempre alla ricerca di qualcosa di diverso, di qualche accorgimento nuovo”.

CONTRO L'INTER - “L'anno scorso a Milano abbiamo fatto un bel pareggio, a novembre all'andata ne abbiamo fatto un altro in rimonta. Certo, sarebbe meglio andare avanti noi. Domani è un'altra prova: sotto l'aspetto tecnico abbiamo sempre bisogno di crescere, nel controllo e nella gestione della palla. Dobbiamo crescere a livello corale”.

Zapata contro il Real Madrid | Quality Sport Images/Getty Images
Zapata contro il Real Madrid | Quality Sport Images/Getty Images

TEST PER IL REAL - Facciamo un campionato centrato su noi stessi, non per fare un favore alle altre. E' un test fondamentale per vedere come giochiamo al cospetto di squadre di questo livello: se vogliamo anche in vista del ritorno di Champions col Real Madrid. All'andata bel gol di testa di Lautaro, poi abbiamo giocato bene, pareggiato con Miranchuk e sfiorato la vittoria con Muriel. Un risultato giusto. Come prestazione e personalità, a livello dell'1-1 del gennaio dell'anno scorso”.

Alessandro Bastoni | Marco Luzzani/Getty Images
Alessandro Bastoni | Marco Luzzani/Getty Images

BASTONI - Bastoni già giovanissimo era di assoluta prospettiva, poi nell'Inter è cresciuto ulteriormente. La sua evoluzione è importante, ma che fosse un predestinato lo si capiva. E' un ragazzo molto sano e molto per bene, questo lo aiuta per la crescita tecnica e personale”.

L'AVVERSARIA - “Dell'Inter temo l'attacco, che non è solo Lukaku e Lautaro. Magari segnano soprattutto loro due, i gol sono più concentrati mentre noi li distribuiamo di più. Loro concretizzano le azioni, noi dobbiamo migliorare la capacità offensiva dell'intera squadra. Eriksen ha capacità balistiche importanti anche nei calci piazzati, su azione ha una precisione tecnica che fa valere”.

Robin Gosens | Emilio Andreoli/Getty Images
Robin Gosens | Emilio Andreoli/Getty Images

SULLE FASCE - Gosens e Hakimi sono tra i migliori interpreti del ruolo. Bisogna stare attenti a non concedere spazi. E' uno dei leitmotiv della partita di domani. In difesa e in attacco non è solo questione di duelli individuali, sarà Inter-Atalanta. Le prestazioni e le giocate individuali pesano, lo scontro globale è tra le due squadre”.

GARE SUDAMERICANE RIMANDATE - "Sarebbe stato complicata la convocazione in nazionale dei sudamericani alle qualificazioni per i mondiali di fine marzo. Ogni volta stanno via due settimane e tornano due giorni prima di giocare in campionato: una situazione che non può stare bene a nessuno”.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A.