Gatti convince con l'Italia: come cambiano le strategie della Juve sul mercato

In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

La dirigenza della Juventus, i suoi tifosi e soprattutto Massimiliano Allegri hanno guardato la partita dell'Italia, disputatasi ieri sera, facendo particolare attenzione al numero 3. Quel numero, ricoperto per tanti anni da Giorgio Chiellini e che ieri era sulla maglia di Federico Gatti. Quasi come se fosse un passaggio di consegne, non tanto in chiave azzurra ma in ottica Juve. Si, perché almeno numericamente, l'ex difensore del Frosinone coprirà il vuoto lasciato da Chiellini, che dopo 17 anni ha dato l'addio al club bianconero (oltre che alla nazionale). Una prestazione più che convincente quella di Gatti, soprattutto considerando che era al debutto con l'Italia e in generale la prima partita di altissimo livello della sua carriera. Ha dovuto fronteggiare - dimostrandosi all'altezza - nel giro di 90 minuti prima Tammy Abraham e poi Harry Kane, non male per uno che quest'anno giocava in Serie B e quattro anni fa in Eccellenza.

PROBLEMA IN MENO SUL MERCATO - La Juventus è chiamata a fare diverse operazioni di mercato, a centrocampo, in attacco e sulle fasce. Ecco allora che la convincente prestazione di Gatti può togliere un "problema" alla dirigenza bianconera, ovvero quello del cercare anche un difensore centrale. O almeno, dare priorità ad altri settori del campo, sapendo che in ogni caso, il reparto arretrato può contare sulla presenza del 23enne piemontese. Leonardo Bonucci sarà ancora più leader della difesa bianconera dopo l'addio del suo compagno e amico Chiellini. Matthijs De Ligt è in trattativa con la dirigenza per il rinnovo di contratto (che scadrà nel 2024) con annesso l'abbassamento della clausola rescissoria (superiore a 100 milioni di euro attualmente). L'olandese difficilmente partirà quest'estate ma non è da escludere l'arrivo dalla Premier League di grandi offerte che se accettate cambierebbero gli scenari in casa Juventus. Gatti sarebbe quindi ad ora il terzo difensore nelle gerarchie, davanti a Daniele Rugani. Allegri e la dirigenza, valuteranno anche dopo averlo visionato nella preparazione estiva, il ruolo da affidare a Federico, stando sempre attenta alle opportunità che potrebbe offrire il mercato come Koulibaly il cui contratto con il Napoli scadrà tra un anno e il rinnovo sembra lontano, Milenkovic (su cui c'è anche l'Inter interessata) e Badiashile, difensore del Monaco.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli