Gatto grasso in stiva: padrone mobilita Facebook

Viktor in aereo
Viktor in aereo

La compagnia aerea russa Aeroflot ha deciso di punire un passeggero togliendogli tutte le miglia aeree che aveva accumulato per aver violato una regola all'imbarco. Come riporta la BBC, il 34enne Mikhail Galin aveva infatti portato a bordo il suo gatto considerato sovrappeso rispetto ai limiti imposti dalla compagnia aerea. Viktor, così si chiama il felino, pesa dieci chili, ossia due chili di troppo rispetto agli otto prescritti da Aeroflot per poter viaggiare insieme al suo padrone.

VEDI ANCHE: Cinder, ecco il gatto obeso costretto ad andare in palestra: i suoi allenamenti conquistano il web

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Il volo dalla capitale lettone Riga a Mosca era andato liscio fino a Vladivostok, nell'estremo est della Russia, quando un'addetta al check-in ha deciso di pesare Viktor e ha proposto al passeggero di mandare il suo gatto in stiva. Mikhail si è rifiutato, dicendo di non voler lasciare il suo amico a quattro zampe da solo per otto ore; così ha rinunciato al volo e ha acquistato un biglietto per il giorno successivo.

SFOGLIA ANCHE: Ecco il gatto bicolore che sta facendo impazzire tutti sui social

Il passeggero doveva comunque trovare una soluzione per imbarcarsi insieme a Viktor, così ha lanciato un appello su Facebook chiedendo ai suoi conoscenti di trovare un gatto che fungesse da sostituto, ma che fosse più magro.

LEGGI ANCHE: Ecco Calliope, il gatto più bello del mondo

Il sosia è stato scovato e ha permesso di superare "la prova peso" durante il check-in. A quel punto il gatto controfigura è stato riconsegnato ai proprietari e Viktor si è imbarcato con successo insieme al padrone Mikhail. Durante l'ideazione del suo astuto piano, però, il ragazzo ha commesso l'errore di pubblicare su Facebook le fasi della sua operazione e il post ha attirato l'attenzione di Aeroflot, che ha avviato un'indagine confermando lo scambio di gatti.

Mikhail Galin sembra aver capito il suo errore e ha accettato la punizione, senza perdere l'ironia e il buon umore: nel suo ultimo stato di Facebook ha infatti postato Viktor da piccolo quando "il suo peso avrebbe soddisfatto i requisiti della compagnia aerea".



Potrebbe interessarti anche...