Gattuso non molla: "Il mio miglior Napoli"

Nulla da fare per il Napoli che cede in casa contro l'Inter e allarga la propria crisi solo tamponata dalla vittoria contro il Sassuolo prima della sosta natalizia.

Azzurri puniti da un super Lukaku, ma anche dagli errori difensivi.

Rino Gattuso ai microfoni di 'Sky Sport' prova a vedere il bicchiere mezzo pieno: "Penso che questa sia stata la miglior partita della mia gestione. Non si vince dal 19 ottobre qui e non è un caso. Anche stasera abbiamo commesso tanti errori. Abbiamo dimostrato di saper giocare al calcio, ma bisogna avere continuità. Dobbiamo continuare su questa strada, non demoralizzarci, non guardare la classifica e andare avanti. Dobbiamo crescere quando partiamo dal basso. Nel primo tempo ci siamo fatti sorprendere più volte a centrocampo, è lì che bisogna migliorare".

"Ci siamo fatti tre gol da soli, è un dato di fatto - ha aggiunto l'ex allenatore del Milan - In questo momento non è facile giocare al San Paolo. Tra i ragazzi c'è preoccupazione. Tanti di loro hanno giocato per lo scudetto negli ultimi anni, non si erano mai trovati in questa situazione. Ma con la qualità che abbiamo possiamo metterci qualcosa in più nella tenuta del campo".

Gattuso spiega poi le proprie scelte: "Luperto a livello fisico ha lavorato pochi giorni. Siamo contati, non volevamo rischiare. Al di là della scivolata, Di Lorenzo ha fatto una buonissima partita perché ha dinamicità e impara presto le cose. Uno contro uno con Lukaku e Lautaro? Ci mancava lo schermo del vertice basso. Nel secondo tempo abbiamo rischiato meno, Fabian non si muoveva più e abbiamo fatto un po' meglio".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...