Gattuso risponde alle accuse: 'Io razzista e omofobo? Siamo impazziti!'

Gennaro Gattuso non ci sta, e, in seguito alle polemiche scaturite negli ultimi giorni, ha deciso di rispondere alle accuse ai microfoni de La Gazzetta dello Sport. Accusato di essere razzista, omofobo e xenofobo dai tifosi del Valencia, con cui è prossimo alla firma, l'allenatore nativo di Corigliano Calabro mostra tutto il suo disappunto raccontando la sua storia, le sue scelte e contestualizzando le sue frasi.

LE ACCUSE - "La mia storia parla per me. Io razzista? Io omofobo? Io xenofobo? Io machista? Ma siamo impazziti? Qui è ora di darsi una calmata. Allora cominciamo a spiegare: la frase sulle donne, pronunciata al momento dell’ingresso nel calcio di Barbara Berlusconi, voleva essere una difesa dell’operato di Galliani che era stato accantonato in malo modo. Razzista io? E allora perché avrei fatto acquistare, quand’ero al Napoli, Bakayoko? Mai avuto nulla contro i giocatori di colore, molti dei quali sono stati miei compagni di squadra e amici".

LA SUA STORIA - "Che cosa sanno di me questi signori che parlano di razzismo, questi leoni che si nascondono dietro una tastiera o dietro un nickname? Vengo da un paesino della Calabria, Corigliano Calabro. Mi sono fatto da solo, da ragazzo sono andato a giocare in Scozia, ai Rangers di Glasgow: sapete che può voler dire per un 'terrone' trovarsi fuori dall’Italia e dimostrare a tutti di riuscire a cavarsela? La mia carriera l’ho costruita con la fatica, l’impegno, il sudore. Nessuno mi ha regalato nulla. E non permetterò più che qualcuno, con accuse terribili, ostacoli il mio lavoro".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli