Gazzetta dello Sport - Inter versione francese: spunta Tolisso, Giroud ancora vivo

Goal.com

Ai tempi del Coronavirus è lecito mettere il calcio da parte, quantomeno quello giocato: non il mercato, che resta un flusso vivo e collegato ai desideri dei club, ansiosi di metter mano al portafogli per coronare la propria ambizione di migliorarsi.

E l'Inter di migliorarsi ha voglia, tanta voglia: un primo segnale c'è stato con l'acquisto di un campione del calibro di Christian Eriksen, antipasto della portata forte che dovrà palesarsi in estate. E il reparto da puntellare sarà ancora una volta il centrocampo, perché è nel mezzo che si riconosce una grande squadra.

Il nome nuovo è quello di un campione del mondo: Corentin Tolisso, classe 1994 che con il Bayern Monaco non sembra più aver molto da condividere. Secondo quanto riportato da 'La Gazzetta dello Sport', i bavaresi gli hanno comunicato l'intenzione di disfarsi di lui a fine stagione, non rientrando più nei piani nonostante un contratto valido fino al 2022.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

La scadenza non rappresenta un problema per i nerazzurri, spaventati semmai dall'ingaggio di 7 milioni netti a stagione che frena leggermente le ambizioni. Tolisso, però, al Bayern si trova ai margini e l'addio appare come la soluzione più normale per il bene della sua carriera.

Il prezzo? 35 milioni, non un euro di più o un altro di meno. Una bella cifra se si considera che nel 2017 i campioni di Germania ne sborsarono 41,5 di milioni per strapparlo al Lione e alla concorrenza di parecchie società, tra cui l'Inter che con Ausilio tentò un approccio poi non andato a buon fine.

Ma la rinascita nerazzurra potrebbe passare anche da un altro componente dei 'Bleus': l'interesse per Olivier Giroud non è mai diminuito d'intensità nonostante il no del Chelsea nelle ultime ore del mercato di gennaio, coinciso inizio di una nuova vita calcistica per l'ex Montpellier che ha finalmente ritrovato un minutaggio accettabile per i suoi standard.

Tanto che ora si parla addirittura di rinnovo del contratto in scadenza a giugno, una rarità in casa Chelsea che non ha mai puntato con fermezza sugli ultratrentenni. Oltre all'Inter resta in corsa la Lazio, sedotta e abbandonata proprio sul più bello sul gong della sessione invernale.

Potrebbe interessarti anche...