Genova, camorrista evade dal carcere durante permesso premio

Genova, camorrista evade dal carcere durante permesso premio
Genova, camorrista evade dal carcere durante permesso premio

Non ha fatto rientro in carcere dopo un permesso premio: un uomo di 43 anni, finito dietro le sbarre per associazione a delinquere di stampo mafioso e tentato omicidio, ritenuto affiliato al clan camorrista Grimaldi di Soccavo, nel Napoletano, è letteralmente scomparso dopo alcuni giorni passati in famiglia.

Avrebbe dovuto rientrare nel carcere di Marassi, a Genova, alle 9 di sabato 22 dicembre, ma dopo 12 ore è stata ufficialmente dichiarata l'evasione.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

LEGGI ANCHE: Il killer di Simonetta è libero, l'ira della sorella

In carcere dal 2003, avrebbe avuto il fine pena nel 2024. Lo denuncia Fabio Pagani, segretario della Uil polizia penitenziaria. "Da pochissimi giorni abbiamo assistito all'illegittimità dichiarata dalla Corte Costituzionale di concedere benefici per i reati di mafia - ha detto Pagani - e a Genova è successo che un detenuto associato per mafia non è rientrato dal permesso premio concesso dal Tribunale di Sorveglianza di Genova. Così sono resi vani i sacrifici delle donne e degli uomini che indossano la divisa e che ogni giorno rappresentano lo Stato nei carceri. Ora la politica si dia una mossa, la lotta di magistrati che ci hanno rimesso la vita come Falcone e Borsellino non meritano questi epiloghi".

GUARDA ANCHE - Chi è Cesare Battisti?


Potrebbe interessarti anche...