Gigante femminile, a Killington è doppietta azzurra

webinfo@adnkronos.com

Straordinaria doppietta azzurra negli Stati Uniti. La 23enne piemontese Marta Bassino trionfa nel gigante di Killington, al primo successo in carriera, mentre la valdostana Federica Brignone rimonta dal 7° posto e le finisce alle spalle. Bene anche Sofia Goggia, che col pettorale 54 chiude alla fine 11esima.  

Sul gradino più basso del podio a 29/100 la statunitense Mikaela Shiffrin. Già in testa dopo la prima manche, l’azzurra ha sciato con convinzione e con la sua proverbiale leggerezza anche nella seconda, resistendo al ritorno di Brignone e Shiffrin. Per quanto riguarda le altre azzurre Francesca Marsaglia è 26esima, Laura Pirovano 30esima. Irene Curtoni, Roberta Midali e Karoline Pichler non si erano qualificate per la seconda manche. 

"E' stata una gara bellissima, che ricorderò per tutta la vita -ha detto Bassino-. Sono finalmente riuscita a mettere insieme due manche in una giornata difficile, perché l'ordine d'arrivo racchiude le prime classificate nello spazio di pochi decimi. Ho cercato solamente di spingere il più forte possibile, senza pensare troppo. Quando ho visto la luce verde vicino al mio cognome non ho capito più niente, festeggiare insieme a Federica Brignone mi regala ulteriore orgoglio. Spero che questo sabato rappresenti la svolta della mia carriera, sapevo che avevo nei piedi un risultato del genere, mi mancava la scintilla che trasformasse in oro ciò che compio ogni giorno".  

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Dedica speciale per Brignone. "E' per Edoardo, un amico di La Thuile morto nelle scorse ore sotto una valanga sul Monte Bianco, il mio pensiero va a lui", ha detto l’azzurra che parlando della gara ha aggiunto: "Oggi finalmente sono riuscita a fare tutto in modo deciso, probabilmente era proprio dalla gara disputata qui a Killington lo scorso anno che non ci riuscivo. Nella prima manche sono scesa correttamente, ma ricamavo invece di attaccare, nella seconda mi sono scatenata, spingendo di cattiveria".  

"E' un podio -ha concluso -che mi può dare la carica giusta, ci riproverò domenica in slalom, anche se con obiettivi diversi, diciamo che ovviamente punto a entrare nella seconda manche, l'importante stavolta era tirare fuori ciò che possiedo".  

 

 

Potrebbe interessarti anche...