Giochi Mediterraneo 2022, a Orano 370 azzurri a caccia del primo posto nel medagliere

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

(Adnkronos) - L’Italia è pronta per i Giochi del Mediterraneo di Orano 2022 in Algeria per la 19esima edizione. Domani si terrà la cerimonia di apertura, che vedrà la partecipazione di una delegazione del governo italiano guidata dal Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese e dalla sottosegretaria allo sport Valentina Vezzali, è prevista anche la presenza del presidente francese Emmanuel Macron. Nelle competizioni saranno coinvolti quasi 3.400 atleti provenienti da 26 Paesi. La squadra italiana è capitanata dal campione olimpico del karate, Luigi Busà, portabandiera assieme a Diana Bacosi nella cerimonia di apertura. Per quanto riguarda la delegazione azzurra sono 370 gli atleti attesi complessivamente in Algeria.

Tra gli atleti dell’Italia Team partiti ieri da Roma c’erano la Nazionale di calcio under 18, le selezioni della pallavolo maschile e femminile, quella giovanile della pallanuoto, le 'Fate' e gli azzurri della ginnastica, i lottatori, tra cui il bronzo olimpico Abraham Conyedo, e i nazionali di badminton, bocce, karate, pugilato, tennistavolo e vela. L’altra portabandiera dell’Italia Team, Diana Bacosi, partirà invece domani assieme agli altri medagliati olimpici del tiro a volo e agli azzurri di judo, pallamano, tennis e tiro a segno. In totale partecipano ai Giochi 18 paesi europei, 5 paesi africani e 3 paesi asiatici. Le competizioni saranno organizzate in 24 discipline tra cui atletica leggera, basket 3x3, boxe, scherma, calcio, nuoto, tennis e pallavolo.

I Giochi del Mediterraneo sono stati creati nel 1951, su un'idea dell'egiziano Muhammad Tahir Pasha, ex presidente del Noc egiziano e vicepresidente del Comitato Olimpico Internazionale (Cio) e del greco Ioannis Ketseas, ex membro del Cio. Durante le Olimpiadi di Londra del 1948, organizzate dopo il periodo di guerra, i due presentarono il progetto ai membri del CIO, e nel 1951 ad Alessandria nacquero i primi Giochi del Mediterraneo. Alla prima edizione parteciparono dieci paesi che videro la partecipazione di 734 atleti. Le atlete sono apparse in occasione dei Giochi di Tunisi nel 1967.

I Giochi si disputano ogni quattro anni e sono organizzati con la supervisione del Comitée International des Jeux Méditerranéens, da quest’anno presieduto dall’azzurro Davie Tizzano, campione olimpico nel canottaggio. Dal 1993 i Giochi vengono organizzati l’anno che segue a quelli Olimpici, fatta eccezione per l’edizione 2018 che si è svolta a Tarragona, Spagna. L’Italia ha preso parte ai Giochi già dalla loro prima edizione. Ha anche ospitato le gare tre volte: nel 1963 a Napoli, nel 1997 a Bari e nel 2009 a Pescara e si ripeterà nel 2026 a Taranto. Su un totale di 18 edizioni, gli azzurri sono arrivati primi nel medagliere 13 volte. Agli ultimi Giochi di Tarragona sono state 156 le medaglie portate a casa dalle delegazioni italiane.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli