Giochiamo in anticipo Italia-Spagna, semifinale di Euro 2020

·3 minuto per la lettura

Dopo la sudata vittoria con il Belgio ai quarti di finale di pochi giorni fa, l'Italia contro la Spagna cerca la sesta vittoria su 6 gare a Euro 2020 per centrare la finalissima del prossimo 11 luglio a Wembley. Ma andiamo ad analizzare punti di forza, chiavi tattiche e precedenti della partita contro le Furie Rosse.

I punti di forza dell'Italia

Il grande vantaggio dell'Italia è senza dubbio il grande entusiasmo con cui si avvicina alla gara. Gli Azzurri partita dopo partita stanno acquisendo sempre più consapevolezza e vogliono continuare a stupire e a macinare gioco. Con la Spagna non sarà facile (come non lo era con il Belgio) ma a questo punto del torneo Insigne e compagni possono giocarsela con tutti.

Un'altra arma a disposizione degli Azzurri è senza dubbio la difesa: Chiellini e compagni possono contare sulla seconda difesa meno battuta dell'Europeo con soli 2 gol al passivo (meglio di loro solo l'Inghilterra con 0 gol subiti), con una squadra prettamente offensiva come la Spagna la solidità difensiva può essere un fattore determinante.

Nazionale | Claudio Villa/Getty Images
Nazionale | Claudio Villa/Getty Images

I punti di forza della Spagna

Luis Enrique è ripartito dal consueto 4-3-3, ha fatto delle scelte discutibili nel momento delle convocazioni ma nonostante tutto il risultato non cambia: la Spagna macina gioco, diverte e convince. Squadra di propensione offensiva, giovane ma al tempo stesso con diversi elementi di esperienza, le Furie Rosse sono una squadra temibilissima.

Una delle armi a disposizione di Luis Enrique è senza dubbio la grande qualità della squadra a sua disposizione: da Koke a Pedri fino a Morata, Ferran Torres, Thiago Alcantara, Dani Olmo, Oyarzabal, Gerard Moreno e Sarabia (in dubbio per la gara contro gli azzurri), i giocatori in grado di fare la differenza sono moltissimi. Guai a abbassare la guardia, la Spagna può farci male in diversi modi.

Spagna | JONATHAN NACKSTRAND/Getty Images
Spagna | JONATHAN NACKSTRAND/Getty Images

I precedenti tra Italia e Spagna

Italia-Spagna rappresenta una vecchia classica del calcio europeo. Azzurri e Furie Rosse si sono infatti affrontati ben 37 nel corso degli anni: il bilancio è di perfetta parità con 11 vittorie per parte e 15 pareggi. Il primo match ufficiale è stato giocato nel 1920, l'ultimo nel 2017.

I duelli decisivi

Nell'ultima partita contro il Belgio il giocatore chiave per l'Italia è stato Lorenzo Insigne. Con le sue incursioni il fantasista azzurro ha messo più di una volta in difficoltà la difesa avversaria e contro la Spagna sarà ancora lui la chiave del gioco della nostra nazionale. In questo senso il duello con César Azpilicueta si preannuncia davvero infuocato. Un altro duello atteso e affascinante è quello che vedrà opposti Nicolò Barella e Pedri a centrocampo.

Chi può decidere Italia-Spagna

Col Belgio non è andato a segno ma nonostante questo Federico Chiesa si è reso comunque protagonista di un'ottima prestazione: l'attaccante azzurro è in stato di grazia, le sue fiammate possono essere un'arma letale e decisiva per il passaggio del turno. In casa Spagna invece vanno tenuti d'occhio i vari Ferran Torres, Morata e Pedri.

Federico Chiesa | FRANK AUGSTEIN/Getty Images
Federico Chiesa | FRANK AUGSTEIN/Getty Images

La possibile sorpresa di Italia-Spagna

A segno con Galles e Austria, Matteo Pessina può essere la sorpresa di Italia-Spagna. In una gara così importante tra due nazionali di così grande spessore ci sono buone possibilità che la partita sia bloccata tatticamente: Pessina in questo senso può essere la variabile imprevedibile che spacca in 2 il match e spezza l'equilibrio.

Matteo Pessina | Insidefoto/Getty Images
Matteo Pessina | Insidefoto/Getty Images

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Euro 2020.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli