Giornalismo sportivo in lutto: è morto Luigi Necco

Goal.com
Il mondo del giornalismo sportivo piange la scomparsa di Luigi Necco, storico volto di '90° minuto' e commentatore delle gesta del Napoli di Maradona.

Giornalismo sportivo in lutto: è morto Luigi Necco

Il mondo del giornalismo sportivo piange la scomparsa di Luigi Necco, storico volto di '90° minuto' e commentatore delle gesta del Napoli di Maradona.

Lutto nel giornalismo italiano: si è spento a 83 anni (ne avrebbe compiuti 84 ad aprile) Luigi Necco, stroncato da un'insufficienza respiratoria. Era ricoverato da giorni all'ospedale Cardarelli di Napoli.

Necco raggiunse una grande notorietà negli anni '80, quando divenne l'inviato alle partite del Napoli di Maradona nella storica trasmissione '90° minuto', potendo così raccontare gli unici due Scudetti azzurri nel 1987 e 1990.

I suoi racconti erano sempre improntati su una garbata quanto sottile ironia nei confronti delle squadre del Nord e del Milan in particolare, in quegli anni principale rivale del Napoli. Celeberrime alcune delle frasi con cui iniziava e chiudeva i collegamenti ("Milano chiama, Napoli risponde"), e talvolta restituendo la linea a Paolo Valenti salutando con tante dita quanti erano i goal segnati dal Napoli.

Nel 1981 fu vittima di un attentato terroristico che lo gambizzò: la sua 'colpa' fu quella di rendere noto un bacio sulla guancia dell'allora presidente dell'Avellino, Sibilia, al boss Raffaele Cutolo, durante una pausa di un processo a carico del camorrista.

Oltre ai racconti calcistici, Luigi Necco dedicò alla cultura gran parte della sua carriera giornalistica, in particolare realizzando e conducendo la trasmissione televisiva "L'occhio del faraone", composta di 360 documentari che raccontavano i tesori archeologici del Mediterraneo.

Memorabile fu poi la personale ricerca del "tesoro di Troia", scoperto nel 1873 dall'archeologo Schliemann e scomparso alla fine della II guerra mondiale. Il suo personale lavoro di ricerca consentì, alla metà degli anni'90, il ritrovamento del tesoro, attualmente esposto al museo di belle arti "Pushkin" di Mosca. Raccontò nel libro "Giallo di Troia" l'incredibile storia del ritrovamento.

Potrebbe interessarti anche...