Giovinazzi quasi out dall'Alfa Romeo dopo Spa!

Marco Congiu

Un 2019 tutt'altro che tranquillo, quello di Antonio Giovinazzi. Il pilota Alfa Romeo ha faticato nella prima parte di stagione nel confronto diretto con un compagno di team davvero scomodo, il Campione del Mondo 2007 Kimi Raikkonen, invertire la tendenza in maniera significativa dopo la pausa estiva.

Leggi anche:

Giovinazzi esclusivo: “Kimi? Avversario ostico, amico leale”

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

In occasione del GP del Belgio, tuttavia, quando era nel cuore della zona punti Antonio ha perso il controllo della sua Alfa Romeo, andando a colpire le barriere poste nella via di fuga della curva Blanchimont, mettendo la parola fine alla propria gara.

Amaro in bocca davvero forte per il Team Principal Frederic Vasseur, il quale commenta a Motorsport.com che il futuro di Giovinazzi era davvero appeso ad un filo dopo quanto successo a Spa.

“L'incidente di Spa è stato un fulmine a ciel sereno per tutti, perché avevamo un'ottima opportunità di andare a punti. Abbiamo discusso parecchio con Antonio, perché cose simili possono segnare una carriera e noi stavamo pensando a che decisioni prendere per il futuro. La settimana dopo ne abbiamo ancora parlato e ci sono state reazioni positive da parte di tutti”, commenta Vasseur.

Il manager è stato impressionato da come Giovinazzi abbia reagito in occasione del Gran Premio d'Italia, sicuramente una tappa non facile da affrontare per un nostro connazionale già carico di responsabilità e travolto dal tifo locale.

“Antonio ha svolto un gran lavoro: un sacco di impegni, il GP di casa per lui e per l'Alfa, e poi ancora tante domande sull'incidente di Spa... Ha reagito molto bene alla pressione. A Monza e Singapore si è comportato molto bene e lo abbiamo addirittura visto in testa a Marina Bay”, continua Vasseur.

“Il problema è che Antonio è entrato in forma quando la macchina ha iniziato a perdere di competitività. È stato spesso davanti a Kimi, ma fin quando lotti per la quattordicesima e quindicesima posizione è un conto, mentre se arrivi sesto e settimo la situazione cambia e tutti parlano di te”, conclude Vasseur.

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 <span class="copyright">Glenn Dunbar / Motorsport Images</span>
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 Glenn Dunbar / Motorsport Images

Glenn Dunbar / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 <span class="copyright">Jerry Andre / Motorsport Images</span>
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 Jerry Andre / Motorsport Images

Jerry Andre / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 e Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 e Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38 <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 e Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38 Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, precede Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, precede Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, precede Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 <span class="copyright">Sam Bloxham / Motorsport Images</span>
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 Sam Bloxham / Motorsport Images

Sam Bloxham / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing <span class="copyright">Jerry Andre / Motorsport Images</span>
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing Jerry Andre / Motorsport Images

Jerry Andre / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing <span class="copyright">Jerry Andre / Motorsport Images</span>
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing Jerry Andre / Motorsport Images

Jerry Andre / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19, Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, Lando Norris, McLaren MCL34, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19, e Charles Leclerc, Ferrari SF90

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19, Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, Lando Norris, McLaren MCL34, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19, e Charles Leclerc, Ferrari SF90 <span class="copyright">Steven Tee / Motorsport Images</span>
Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19, Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, Lando Norris, McLaren MCL34, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19, e Charles Leclerc, Ferrari SF90 Steven Tee / Motorsport Images

Steven Tee / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 <span class="copyright">Andy Hone / Motorsport Images</span>
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 Andy Hone / Motorsport Images

Andy Hone / Motorsport Images

Potrebbe interessarti anche...