Giroud: 'Inca... per l'espulsione. Mi sono dimenticato del giallo. Meglio dell'anno scorso, abbiamo i 3 punti'

Intervistato da Sky, l'attaccante del Milan, Olivier Giroud ha commentato così il gol vittoria contro lo Spezia e l'espulsione seguente.

GOL - "Il gol è molto bello, sicuramente. Il passaggio di Sandro è stato molto bello e dai, va bene così. L'adrenalina, il gol vittoria, una partita difficile... Nella mia testa sono ancora un bambino".

3 PUNTI - "Volevamo vincere, la cosa più importante è che domani mattina ci svegliamo con i 3 punti"

IL ROSSO PER L'ESULTANZA - "Mi sono dimenticato che mi aveva ammonito e dai... è così"

L'ANNO SCORSO - "Stavo pensando che questa partita mi ricordava molto quella dell'anno scorso che l'arbitro aveva sbagliato. Quest'anno abbiamo vinto ed è la cosa più importante. Abbiamo visto un grande spirito di squadra fino alla fine e allora sì, siamo felici".

IO E IBRA - "Io e lui abbiamo un rapporto come grandi fratelli. Cerchiamo di dare l'esempio ai giovani fuori e dentro il campo".

MOMENTO MIGLIORE - "Non so se è il mio momento migliore della carriera. Sicuramente ci sono momenti in cui tu sei al posto giusto al momento giusto. La mia vita è questa, devo farmi trovare pronto. Due settimane fa non ho fatto gol per 5 gare ed ero arrabbiato"

QUANDO SMETTO? - "Non lo so. Continuo fino a quando il mio corpo non mi dirà basta".

Poi a Dazn sul Mondiale MONDIALE - "La possibilità di giocare un terzo mondiale è tanta roba. è un obiettivo per tenere questo titolo. Abbiamo una grande squadra, abbiamo tante speranze con tutti questi talenti con la Francia. Adesso non voglio pensare al Mondiale, vediamo mercoledì quando Deschamps farà la lista. Ora il focus è sulla Cremonese, per me e i ragazzi, e poi sulla Fiorentina".