Goal Economy - Stadi e Serie A: qualcosa si sta muovendo

Bellinazzo

In attesa di capire quale sarà il progetto di Suning per la ristrutturazione di San Siro, pronto comunque da oltre un anno, e le conseguenti scelte del Milan, qualcosa in Serie A si sta muovendo sul fronte stadi.  Non sarà un Rinascimento, come quello Viola evocato dal patron della Fiorentina, ma scontando anni di ritardi e iter ipertrofici  in diverse realtà si stanno attivando processi di ammodernamento degli impianti sportivi e, in alcuni casi, delle aree limitrofe.

ROMA

Roma new stadium

A Roma è formalmente ancora aperta  fino al 5 aprile la Conferenza dei servizi. Dopo la bocciatura del progetto originario e il dimezzamento delle cubature (da circa un milione a 500mila con l’addio alle tre torri di Libeskind), come ha spiegato il nuovo l'assessore all'Urbanistica Luca Montuori durante la seduta straordinaria dell'Assemblea capitolina sullo stadio della scorsa settimana, Campidoglio e proponenti, As Roma ed Eurnov, hanno “avviato un periodo di confronto e di discussione per verificare la sostenibilità complessiva dell’intervento nel quadro mutato.

È un percorso che ci porterà nel breve periodo all'approvazione degli atti necessari da consegnare alla Conferenza dei servizi in corso e, successivamente, a ricevere un nuovo progetto sviluppato secondo le linee che verranno indicate e su cui il Consiglio si esprimerà riformulando di fatto l'interesse pubblico dell'intervento".

Dunque, l’iter regionale dovrà ricominciare, anche se stavolta si potrà far leva sull’accordo già raggiunto tra il sindaco Virginia Raggi, il costruttore Parnasi e James Pallotta, sulle varianti propedeutiche a una riconversione ecosostenibile delle infrastrutture. Il Campidoglio dovrà approvare una nuova delibera di  pubblica utilità che dovrà modificare quella del dicembre 2014. L’investimento privato scenderà  da 1,7 miliardi a quasi un miliardo con la capienza dello stadio portata da 60mila a 52-55mila posti.

Il valore delle opere pubbliche connesse, a carico dei proponenti, sarà di 330 milioni anziché di 440 milioni, con  un taglio alle misure  “compensative” per i privati (in particolare, resta fuori il ponte carrabile sul Tevere con lo svincolo per la Roma-Fiumicino, che valeva 94 milioni). Pallotta ha auspicato che la prima pietra venga posata tra la fine dell’anno e l’inizio del 2018. Ma questo timing appare  molto difficile.

Intanto, sulla sponda biancoceleste è in fibrillazione  il presidente della Lazio Claudio Lotito che vorrebbe creare uno stadio delle Aquile con annessa cittadella dello sport per la Polisportiva Lazio sulla via Tiberina su terreni di sua pertinenza. Ma al momento nessun passo ufficiale è stato compiuto.

CAGLIARI

Cagliari new stadium project

Il club sardo a febbraio 2017 ha avuto il via libera dalla Regione per la variante urbanistica, dopo l’ok del Comune ottenuto a novembre 2016, e dovrebbe a breve iniziare i lavori per l’impianto provvisorio che sorgerà nell’area del parcheggio davanti al settore distinti dell’attuale Sant’Elia. Il presidente, Tommaso Giulini, però la scorsa settimana ha lanciato l’allarme sul possibile slittamento dei tempi, auspicando di poter  rapidamente risolvere gli intoppi burocratici. Dovrà essere indetta una gara pubblica internazionale per l’affidamento del nuovo stadio che dovrà essere pronto per la stagione 2019/20, quella del centenario della società.  Per il Cagliari si tratta di un investimento di  55 milioni realizzato nell’ambito di B-Futura per una struttura da 21mila spettatori.

BOLOGNA

Lavori di ammodernamento dello stadio anche a Bologna, dove il Comune ha dato il primo parere favorevole agli interventi sul Dall’Ara (che ha da poco compiuto  90 anni) e sull’area ovest dei Prati di Caprara.  Il progetto  voluto dal presidente Joe Saputo è curato all’architetto Gino Zavanella e ridisegna l’interno dell’impianto, salvaguardando la parte storica – muro esterno e Torre Maratona – risalente agli anni ’20. Ci sarà una nuova copertura totale delle gradinate, curve avvicinate al campo senza più pista di atletica e  l’eliminazione del 75% della sovrastruttura esterna in ferro realizzata per i Mondiali  del ’90. Saranno inseriti spazi commerciali sotto le curve. La capienza scenderà da 36.532 posti a 23.806.  Il costo stimato è di 70/80 milioni.

FIRENZE

Progetto stadio Fiorentina

Quarantamila posti, spalti a sette metri dal campo e copertura con forma a fiore per evocare il giglio di Firenze. Sono questi alcuni dettagli del nuovo stadio che dovrebbe sorgere a Novoli. Il piano di riqualificazione urbana, per un costo complessivo di 420 milioni, presentato lo scorso 10 marzo prevede anche un centro commerciale, un hotel, un centro sportivo, il museo del club, un ristorante e  spazi dedicati ad eventi e mostre. Il piano finanziario andrà presentato alla Giunta entro il 31 dicembre 2017. Il sindaco Dario Nardella  ha spiegato: «Il  terreno pubblico è stato concesso a titolo gratuito. Abbiamo già fatto una delibera di interesse pubblico a gennaio 2015 e una delibera che avvia la procedura per cambiare il piano urbanistico della zona». Depositato il progetto dovrà essere convocata  una conferenza dei servizi, dopodiché ci sarà un bando pubblico. La prima pietra dello stadio dovrebbe essere posta nella seconda metà del 2019, e i lavori dovrebbero durare due anni.

BERGAMO

Lo stadio Azzurri d’Italia è già stato ristrutturato parzialmente con interventi costati 3,5 milioni. L’Atalanta si è occupata della Tribuna Centrale mentre il Comune di Bergamo si è fatto carico dell’impianto di illuminazione e delle nuove postazioni  per i disabili. Ora l’Atalanta intende rilevarlo. Il bando per la vendita è pronto, con una base d’asta di 7,8 milioni. Una volta acquisita la proprietà  la famiglia Percassi vuole  trasformarlo in un impianto  all’inglese, arricchendolo con un Atalanta Store, bar, ristoranti e un museo. I lavori potrebbero iniziare nel 2018 e terminare nella stagione  2020/21. Per il cantiere occorreranno 30 milioni.

FROSINONE

Frosinone Benito Stirpe

Spera di essere in Serie A nella stagione 2017-18 il Frosinone del presidente Maurizio Stirpe per debuttare nel nuovo stadio da 16mila posti in via di realizzazione. Con il nuovo stadio si punta a far  crescere i ricavi della società del 20% in tre anni.

NAPOLI

San Paolo Stadium Napoli

Al San Paolo sono in atto lavori da 25 milioni di euro a cura del Comune che ha chiesto e ottenuto un finanziamento dal Credito Sportivo. Un restyling di alcune aree come spogliatoi, accesso al campo, area stampa e seggiolini che andrà avanti nei prossimi mesi, ma che certo non porterà a un miglioramento radicale dell’impianto di Fuorigrotta che resta tra i più scadenti dell’intera Serie A.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità