Goal fantasma di Granoche, il Frosinone precisa: “C'era un fuorigioco”

Furiose le proteste per il goal fantasma non assegnato allo Spezia sul tiro di Granoche, il direttore generale del Frosinone: "C'era fuorigioco".

Pablo Granoche entra di fatto nell'elenco dei goal fantasma, scatenando le furiose proteste dello Spezia, sconfitto poi sul campo del Frosinone. Un episodio sul quale è tornato però il direttore generale dei ciociari, Ernesto Salvini.

Il dirigente, secondo quanto riferisce l'ansa', risponde alle polemiche: "Premesso che da parte del Frosinone c'è il massimo rispetto per lo Spezia, esiste però una verità incontrovertibile: il goal reclamato al 18' del primo tempo lunedì scorso, era viziato da un evidente fuorigioco del calciatore numero 10 dello Spezia, Piccolo".

Salvini prosegue tirando in ballo le immagini: "Il fotogramma ripreso dalle telecamere di Sky è infatti eloquente - prosegue Salvini -: sul tiro dell'attaccante dei liguri con la maglia numero 29, Granoche, il giocatore dello Spezia, Piccolo, è posizionato al fianco del portiere Bardi, prima della linea di porta. In posizione quindi di fuorigioco mentre il pallone rimbalza oltre la linea bianca".


Il direttore generale del Frosinone replica allo sfogo del collega Micheli: "La sua amarezza sarebbe comprensibile se sostenuta, nel caso di specie, da realtà. Evidentemente anche lui è stato tratto in inganno dal pathos del momento. Ripeto: la palla sul tiro di Granoche è vero che cade oltre la linea di porta dopo essere rimbalzata sotto la traversa, ma è altrettanto vero che c’è la posizione di Piccolo ad inficiare la regolarità del goal”.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità