Gomez: "Non guardo l’Atalanta, fa male. Volevano che sparissi. L'addio? Non sono io il colpevole"

Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura

El Papu Gomez torna a parlare del suo addio con l'Atalanta. Intervistato da Sky Sport (intervista esclusiva che verrà trasmessa integralmente su Sky Sport 24 venerdì 16 aprile), l'argentino ha parlato dei motivi che lo hanno spinto a lasciare la Dea: "Sto cercando di capire come sia successo tutto questo, so di non essere il colpevole in questa storia. Non si poteva andare avanti così e ho preso la decisione giusta, sono contento e tranquillo per la scelta che ho fatto".

Jordi Alba e il Papu Gomez | Quality Sport Images/Getty Images
Jordi Alba e il Papu Gomez | Quality Sport Images/Getty Images

Cosa prova il Papu a sentir parlare di Atalanta? "Tristezza. Faccio fatica a guardare una partita dell'Atalanta. Mi fa male vedere i miei ex compagni. Sono felice per loro perché stanno facendo molto bene e so che squadra è, ma non riesco. Quindi oggi dico tristezza, spero che col passare del tempo ci possa essere altro".

Le offerte non sono mancate: "Avevo grandi offerte dalla MLS e dall'Arabia Saudita, con tantissimi soldi, ma non mi interessava. Sapevo che c'era gente che mi voleva vedere sparire in questi paesi, ma la mia priorità era il Siviglia e sono orgoglioso di essere finito qui".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo e della Serie A.