Gomez sul Coronavirus: "E' un film horror"

Goal.com

Il Coronavirus imperversa, il calcio si ferma: anche la Germania ha deciso di sospendere la Bundesliga dopo l'annuncio dell'UEFA di stoppare Champions ed Europa League.

L'ultima gioia per il movimento nostrano l'ha offerta l'Atalanta con la storica qualificazione ai quarti di finale: otto goal in due partite ad un tramortito Valencia, in attesa di conoscere il destino della competizione più importante del continente.

Intervistato da 'Club Octubre 94.7', il 'Papu' Gomez ha descritto lo scenario, quasi di guerra, che sta interessando in queste ore la città di Bergamo, tra le più colpite dal virus.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

"Gli unici a restare aperti sono i supermercati, puoi ordinare da internet e consegnano tutto a domicilio. Per strada non c'è nessuno, è come stare in un film horror. Non sto esagerando".

L'augurio di Gomez è che anche nella sua Argentina la gente inizi a prendere serie precauzioni per evitare un contagio non ancora capillare come quello andato in scena in Italia.

"Riceviamo continuamente notizie dall'Argentina. Sarebbe bello se le persone iniziassero a prendere le precauzioni necessarie. Per ora hanno preso molto alla leggera una situazione davvero complicata. Rimanere contagiati è semplice".

Infine un appello ai tifosi dell'Atalanta e ai cittadini bergamaschi.

"Nel centro sportivo parliamo, vogliamo prendere una decisione in merito al virus. A Bergamo ci sono 400 casi: sappiamo che l'amore dei nostri tifosi è grande, ma abbiamo bisogno che rispettino le regole e rimangano nelle loro case".

Potrebbe interessarti anche...