Gp Turchia, Leclerc: "Circuito Istanbul è spettacolare"

Adx
·2 minuto per la lettura

Roma, 11 nov. (askanews) - La Formula 1 sbarca questo weekend in Turchia, su un circuito molto amato dai piloti e sul quale non si gareggia ormai da nove anni: l'Istanbul Park. La Ferrari in Turchia ha vinto tre volte, sempre grazie a Felipe Massa che qui ha centrato il suo successo numero uno nel 2006 ripetendosi poi pure nel 2007 e nel 2008. Dopo che a Imola è stato sperimentato il programma con soli due giorni di attività di pista, in Turchia si torna al tradizionale formato con due sessioni di prove libere al venerdì, previste per le 9 e le 13 orario italiani e la terza al sabato mattina alle 10. Le posizioni sulla griglia verranno definite a partire dalle 13, mentre l'ottavo Gran Premio di Turchia prenderà il via domenica 15 novembre alle 11.10. "Per me sarà la prima volta all'Istanbul Park - ha spiegato Charles Leclerc, come riportato dal sito della Ferrari -. Ho visto qualche video e mi sono fatto raccontare la pista da chi ci ha già gareggiato e ho avuto solo pareri positivi. So che si tratta di un tracciato molto vario, con cambi di pendenza e curve spettacolari. In particolare mi aspetto belle sensazioni dalla curva 8: vedremo come sarà girarci con le monoposto di oggi. Questo sarà nuovo per tutti". "Sono felice di tornare all'Istanbul Park, un circuito sul quale ho ricordi molto belli - ha detto Sebastian Vettel -. Qui, per esempio, si può dire che sia iniziata la mia carriera in Formula 1, perché nel 2008 con la BMW Sauber mi misi in luce ottenendo il miglior tempo nella seconda sessione di prove libere del venerdì. Qui ho poi vinto nel 2011, l'ultima volta che siamo venuti in Turchia. Si tratta di un circuito molto interessante e bello da guidare. Ci sono diversi cambiamenti di elevazione che sono molto più marcati di quanto non appaia in televisione, alcuni passaggi, poi, sono davvero emozionanti. Mi riferisco ovviamente alla curva 8 con il suo raggio multiplo, ma su questa pista a livello tecnico c'è veramente un po' di tutto. Credo che anche a chi non ci ha mai girato piacerà subito parecchio".